MJ e Sony: si ripresentano vecchi modus operandi?

Per chi non ricordasse bene la lunga disputa tra Sony e Michael Jackson, qui trovate il riassunto dettagliato:

http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=355:michael-jackson-vs-sony-la-storia-che-si-poteva-sapere-quando-lui-era-vivo&catid=34:articoli-verita-sulla-morte&Itemid=61

Oltre a questo ci terrei a riportare uno stralcio delle parole che Michael stesso disse nel 2001 nel suo discorso contro Sony, ovvero:

“ Non avrei voluto dire quello che sto per dire, ma lo dovete sapere. Per favore non registrate quello che sto per dire ok? Spegnete per favore. Anzi, fatelo, fatelo, non mi interessa, registrate! Mariah Carey, dopo il divorzio da Tommy (Mottola ndr) , è venuta da me a piangere. Piangeva Piangeva così tanto che ho dovuto sorreggerla. Mi ha detto –lui (Mottola ndr)  è un uomo diabolico, e Michael, questo uomo mi segue. Controlla i  telefoni, ed è molto, molto cattivo- Lei non si fida di lui. E 'un essere umano orribile. E dobbiamo continuare la nostra azione fino a quando lui sarà inoffensivo. Non possiamo permettergli di fare questo a grandi artisti, noi non possiamo.”

s s

Questo disse Michael Jackson allora, e ancora oggi alcuni fan sostengono che era “solo” verso Mottola il problema, dimenticando, come ben riportato nell’articolo linkato qui sopra, che MJ ripetè le sue accuse sia nel 2003 nella sua intervista con Ed Bradley,  che nel 2005 con Jesse Jackson.

Ad ulteriore riprova di quello che Michael diceva allora , in particolare  “Non possiamo permettergli di fare questo a grandi artisti, noi non possiamo!” , in questi ultimi mesi è arrivata la denuncia anche della cantante Keisha, che ha accusato il suo produttore Dr. Luke, della Kemosabe Entertainment, di proprietà di Sony, di abusi sessuali e psicologici, ma soprattutto ha accusato Sony di esserne stata a conoscenza e non aver fatto nulla. Sony ha risposto negando ogni accusa, e lamentando che questo sarebbe solo un tentativo di Kesha di non adempiere al suo contratto che la lega alla major. Kesha a sua volta, tramite l’avvocato Geragoes, ha specificato al giudice che se lei deve  finire di  adempire al suo contratto verso Sony, lei lo farà lavorando solo per Sony, ma non piu’ per Dr. Luke viste le accuse, e Sony ha risposto che loro non possono purtroppo fare nulla perché il contratto lo hanno stilato lei (Keisha) con Dr. Luke. Possibile che la major non possa realmente fare nulla  se la Kermose Entertainement è sua?

Kesha

Numerose altre star inoltre si sono unite in solidarietà a Kesha, e Taylor Swift ha addirittura donato a Kesha 250 mila dollari per le spese legali, questo  a riprova di una conoscenza amara di tali meccanismi perversi da parte delle star, che rendono molto meno dorato il music business.

Credo che tutto questo ricordi purtroppo molto bene  gli obblighi contrattuali a cui è stato incatenato MJ e da cui non è mai riuscito a liberarsi, pur provandoci piu’ volte anche con What More Can I Give, ma Sony non gliel’ ha permesso, come si puo’ vedere sempre dal nostro articolo linkato all’inizio.

Fonti: http://www.billboard.com/articles/news/6590753/kesha-sony-female-artists-dr-luke-lawsuit

www.lastampa.it/2016/02/28/blogs/on-the-road/la-battaglia-di-kesha-contro-dr-luke-e-quel-musicbusiness-poco-dorato-89nLyCDD4BdN3gmGzaDdVK/pagina.html

http://www.glamourmagazine.co.uk/news/celebrity/2014/10/15/kesha-accuses-music-producer-dr-luke-of-rape

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page