Linee guida sulla Vitiligine da un opuscolo medico: ulteriore prova che MJ ha fatto quello che doveva

Dicembre 2015

La pubblicazione a seguire è l'opuscolo medico per i pazienti affetti da Vilitigine attualmente disponibile presso lo studio medico di un membro della Società Ticinese di Dermatologia e Venereologia. Dal momento che il tentativo di screditare il nome di Michael Jackson scrivendo inesattezze sulla sua malattia non vede mai fine, vogliamo condividere quest'ulteriore prova che lui ha fatto semplicemente quello che doveva fare secondo le linee guida per il trattamento della Vitiligine stilate sulla base dell'evidenza nella pratica clinica.

La brochure è stata scritta dal Comitato Scientifico della suddetta società che opera in Ticino, il cantone italiano della Svizzera.

b c

b 2

 

b3

 

Trascrizione del testo:

La vitiligine è una malattia cutanea caratterizzata da macchie bianche dovute a una perdita di pigmentazione. Colpisce l'1-2% della popolazione e può apparire a ogni età, ma la maggioranza dei casi inizia tra i 10 e i 30 anni. In qualche caso - circa uno su 10 - ci sono altri membri della famiglia affetti da vitiligine.

La natura precisa del processo che porta alla vitiligine non è ancora stata completamente chiarita.


Localizzazione e aspetto:

le macchie appaiono più facilmente attorno agli orifizi (bocca, naso occhi, zona ano-genitale) poi alle mani, piedi, gomiti, ginocchia, polsi e caviglie. Hanno una distribuzione relativamente simmetrica e sono generalmente ben delimitate e bianche.


Sintomi:

l'affezione è soprattutto di natura estetica.La maggior parte dei pazienti non presenta nessun altro disturbo. L'associazione con disturbi endocrini, soprattutto della tiroide e altre affezioni autoimmuni, è rara. Non si tratta di una malattia contagiosa.


Evoluzione:

l'evoluzione è imprevedibile. Le macchie possono progredire rapidamente o più spesso in modo lento. La scomparsa spontanea delle macchie di vitiligine è in qualche caso possibile.


Protezione solare:

per evitare l'accentuarsi della differenza di pigmentazione con la pelle normale e per evitare scottature nocive sulla pelle, è opportuno usare un filtro solare con un alto fattore di protezione.


Camuffamento:

per attenuare la differenza di pigmentazione, si possono usare cosmetici molto coprenti o creme autoabbronzanti.


Terapia:

il dermatologo può prescrivere, a seconda dei casi, una terapia locale - in genere creme con corticosteroidi - o una terapia con lampade speciali (PUVA terapia). Questa terapia è lunga e non è sempre coronata da successo.

I risultati possono essere solo parziali.

Un'altra possibilità di intervento, soprattutto per le vitiligini molto estese, consiste nella depigmentazione della pelle normale eliminando l'antiestetica differenza di colore.

COMMENTI

Please login to post comments or replies.