MICHAEL JACKSON vs SONY: LA STORIA CHE SI POTEVA SAPERE QUANDO LUI ERA VIVO

Il 16 aprile 2002 il sito di notizie d’intrattenimento EURweb.com fondato da uno dei più noti DJ radiofonici neri degli Stati Uniti, Lee Bailey (probabilmente ricorderete quando Michael Jackson lo chiamò alla radio per parlare del video di Eminem: http://www.michaeljackson.ch/2004an.htm) pubblicò la storia di un documento che raccontava cosa stava accadendo realmente tra la Sony Music e Michael Jackson che stava raggiungendo via web la stampa e le agenzie di notizie di tutto il mondo. Questo documento stava circolando esattamente 2 mesi prima dell’evento a Londra in cui Michael Jackson in persona avrebbe dato voce a molte delle cose scritte in esso, come potete vedere in questo video registrato quel giorno: http://www.youtube.com/watch?v=xMHUvzY8jMs Non potremmo immaginare riscontro migliore per la validità del documento.

Oggigiorno questa storia è disponibile solamente su blog dedicati a Michael Jackson che l’hanno ricopiata, citando come fonte il seguente link: http://www.eurweb.com/story/eur6406.cfm

Dopo esserci resi conto che il link è scaduto, abbiamo contattato il sito EURweb via email, chiedendo se in qualche modo avrebbero potuto recuperare la pubblicazione originale datata 16 aprile 2002:

Ci hanno risposto che purtroppo quel loro articolo poggia su un server che al momento non è online per problemi tecnici, che sperano di riattivarlo entro l’anno, ma non hanno una data precisa da poterci indicare.

Che i problemi tecnici siano veri o no, ci hanno comunque detto quello che volevamo sapere, cioè che quell’articolo fu effettivamente pubblicato sul loro sito di notizie (10 milioni di visitatori al mese) nell’aprile del 2002.

Non siamo riusciti a trovare nessun altro sito di notizie con questa storia postata quando Michael Jackson era vivo che sia possibile consultare ancora oggi (se tra di voi qualcuno dovesse avere più fortuna, ce lo faccia sapere, per favore).

La risposta di EURweb dimostra che quello a cui potevamo accedere sul rapporto tra Sony e Michael Jackson prima del suo omicidio non è più disponibile sul web se non grazie ad alcuni fan che stanno cercando di salvare ciò che Michael – non Sony o i suoi servi – aveva da dire.

 

La storia

http://www.eurweb.com/story/eur6406.cfm (link originale ora scaduto)

"16 aprile 2002

Sulla via delle agenzie di stampa di tutto il mondo attraverso internet, c’è un documento che delinea meticolosamente un’aspra battaglia legale tra la Sony Music e la sua superstar più famosa, Michael Jackson. Se le accuse citate nel comunicato sono vere, allora la Sony, con una manovra insolita ma non sconosciuta al mondo dall’alta posta in gioco della musica pop, sta giocando con la forza per strappare a Michael Jackson il controllo del catalogo ATV per ritorsione contro il tentativo della star di lasciare la casa discografica con cui ha pubblicato la sua musica dal 1975. La diffusione dell’email, le origini della quale non siamo riusciti a rintracciare ma contenente informazioni riservate di cui solo degli insider potrebbero essere a conoscenza, fa la cronaca di tutti i modi con cui la Sony avrebbe impedito al cd di Jackson Invincible di guadagnare e del perché, e sembra essere una campagna progettata per portare l’attenzione sulla difficile situazione di Jackson.

EUR ha contattato la Epic Records, la divisione discografica della Sony che ha pubblicato Invincible, ma entro i termini di tempo richiesti non abbiamo ricevuto nessuna risposta.

Sotto trovate l'intero comunicato.


- Oggi, a soli 5 mesi dall’uscita di INVINCIBLE, Michael Jackson è invisibile… Il suo nuovo album è scomparso dalle classifiche mondiali. Questa situazione è piuttosto insolita per il Re del Pop, un artista i cui album sono sempre stati oggetto di grande promozione per almeno 2 anni successivi alla loro pubblicazione. Oggi, trascorsi solo 5 mesi, INVINCIBLE è diventato invisibile. Però, ha venduto lo sbalorditivo numero di 5 milioni di copie in meno di 3 mesi, un record in un lasso di tempo così breve persino per gli standard di Michael Jackson.

Ma dopo aver goduto di un lancio di successo, il migliore di sempre di Jackson, INVINCIBLE improvvisamente è sparito dalle classifiche ed è diventato una notizia vecchia. Quali sono le ragioni dietro la scomparsa di INVINCIBLE? Com’è possibile che un album di successo, dalle potenzialità enormi, improvvisamente non venga più pubblicizzato?

LA VERITA’: Il motivo per cui INVINCIBLE non è più promosso dalla Sony Music è perché la casa discografica sta combattendo con Michael Jackson su una questione finanziaria.

Alcuni anni fa, come anticipo sui pagamenti per le vendite future di INVINCIBLE, Michael Jackson negoziò un prestito con Sony Music, un’operazione comune tra artisti e case discografiche. A conferma del prestito, Michael Jackson dovette mettere la sua proprietà del catalogo ATV Music Publishing (che include le 251 canzoni dei Beatles) come garanzia. Il catalogo ATV Music fu acquistato da Michael Jackson nel 1985. Nel 1995, venne fuso con il catalogo della Sony, Sony Music Publishing, diventando ATV/Sony Music Publishing. Unendo il suo catalogo ATV con Sony, Michael Jackson intascò una somma di circa 95 milioni di dollari. Oggi, la Sony Music sta facendo pressioni su Michael Jackson perché rimborsi il prestito che ha preso da loro. E hanno i mezzi per farlo. Il problema è che Sony Music sta contemporaneamente impedendo a Michael Jackson di rimborsare i soldi che deve loro sabotando la promozione dell'album INVINCIBLE, che è la principale fonte di reddito di Jackson per rimborsare il prestito. Finora, INVINCIBLE ha venduto 5 milioni di copie in tutto il mondo. La Sony Music deve raggiungere il traguardo dei 7 milioni di copie prima di poter guadagnare dalle vendite dell'album. Quanto a Michael Jackson, sta recuperando gli incredibili costi di registrazione dell'album dalla sua parte di denaro generato dalle vendite dell'album. Questo significa che finora non ha guadagnato nulla dalle vendite di INVINCIBLE. Perché produca guadagni per Sony Music e Michael Jackson, l’abum INVINCIBLE deve vendere oltre i 7 milioni di copie. Non dovrebbe essere difficile per il Re del Pop raggiungere tale traguardo. Thriller ha venduto 52 milioni di copie, Bad 25 milioni, Dangerous 26 milioni e HIStory, un doppio CD, 14 milioni di copie. Ma INVINCIBLE non vende più. Tranne che negli USA, dove la Sony Music non ne sta consegnando più di quanto non riescano a vendere, in altre parti del mondo, compresi i mercati europei, la Sony Music sta ricevendo grandi quantitativi di reso da gennaio. In Germania, Francia e Regno Unito, i mercati d'Europa più grandi, i grossisti stanno restituendo copie invendute di INVINCIBLE a migliaia.

Infatti, nessuno si aspettava che la promozione dell'album finisse così all'improvviso.

Ma perché la Sony saboterebbe un album per il quale ha speso dei soldi? E perché affonderebbero il loro artista che vende di più?

Semplicemente perché facendo così potrebbero ottenere la metà dell’ATV Music Publishing che appartiene a Michael Jackson.

Se lui non riesce a rimborsare il suo prestito, la proprietà della sua quota del catalogo ATV Music Publishing cadrà nelle mani della Sony Music. Sony/ATV Publishing è attualmente la terza più grande società editrice musicale di tutto il mondo. Il denaro che genera e rappresenta va al di là del prestito di Michael Jackson dalla Sony o delle possibili entrate generate da INVINCIBLE. Inoltre, è più facile occuparsi di un catalogo musicale rispetto a un artista con forti opinioni su come dovrebbe essere gestita la sua carriera.

Pertanto, la Sony Music sta tentando di sabotare l'album INVINCIBLE. Ma per la casa discografica è importante che la manovra non sia evidente. È essenziale per la Sony Music che il pubblico e i media non siano a conoscenza della questione. La cattiva pubblicità è una minaccia che loro temono. L'obiettivo della nostra associazione RENDI VISIBILE INVINCIBLE è quello di portare le persone a conoscenza della situazione tra Michael Jackson e Sony Music.

Come fan di Michael Jackson, abbiamo assistito impotenti all'uccisione dell'album INVINCIBLE. Fino ad ora. A differenza di faide precedenti tra case discografiche e artisti (Prince contro la Warner, George Michael contro la Sony Music,ecc.) la situazione di Michael Jackson contro la Sony Music è diversa nel senso che l'artista vuole che il suo album venda ed è pronto a promuoverlo, ma la casa discografica no.

INVINCIBLE è l'ultimo album di Michael Jackson con la Sony Music, malgrado ciò che affermi la casa discografica. Questo è il suo ultimo album con loro.

Ecco una cronologia dei fatti che documenta la faida tra Sony Music e Michael Jackson con esempi dettagliati.

Giugno 2001: La Sony Music sceglie "You Rock My World", come primo singolo di INVINCIBLE. Michael Jackson preferiva "Unbreakable" e aveva già cominciato a concepire il video per la canzone. Il cambio del singolo all’ultimo minuto lo costringe a concepire di fretta e furia un nuovo video per accompagnare "You Rock My World". Sony Music contatta il regista Hype Williams che mette insieme un modo di girare il video. Michael non è soddisfatto né di questo né del budget che Sony propone per il video. Viene assunto un altro regista, Paul Hunter. Dopo numerose controversie sul budget del video, finalmente iniziano le riprese.

Agosto 2001: Michael Jackson sta lavorando sui suoi imminenti concerti al Madison Square Garden. La Sony Music ha appreso la notizia degli spettacoli dai media. Sono contrariati per non essere stati coinvolti nel progetto e decidono di boicottarlo. Gli uffici della Sony Music di tutto il mondo ricevono un promemoria che vieta loro di organizzare qualsiasi tipo di attività promozionale in connessione ai concerti al Madison Square Garden. Alla fine, i concerti saranno tutto esaurito e diventeranno eventi televisivi estremamente popolari negli Stati Uniti, nonostante l'assenza di promozione e coinvolgimento della Sony Music. Inoltre, Sony Music non mostra alcun interesse ad acquisire i diritti per i concerti da utilizzare in tutto il mondo come uno strumento per la promozione di INVINCIBLE. Di conseguenza, meno di cinque paesi in tutto il mondo trasmetteranno il concerto. La richiesta del produttore David Gest per lo spettacolo è così alta che anche i grandi mercati come la Germania, la Francia o il Regno Unito non possono permettersela.

Settembre 2001: "You Rock My World", il primo singolo di INVINCIBLE è un grande successo radiofonico in America. Gli analisti di Billboard Magazine e gli osservatori dell'industria musicale prevedono che la canzone potrebbe facilmente raggiungere il top della classifica Billboard Hot 100 a condizione che vi sia un singolo disponibile in commercio (le classifiche americane sono basate sui passaggi radiofonici e le vendite combinate insieme). Tuttavia, la Sony Music ripetutamente ritarda e rinvia la pubblicazione del singolo "You Rock My World". Alla fine, il singolo non sarà proprio rilasciato negli Stati Uniti, a dispetto di una forte domanda da parte dei consumatori di dischi. Per giustificare la loro decisione, Sony Music sostiene che la pubblicazione di un singolo potrebbe danneggiare le vendite dell'album. Ma il mercato dei singoli negli Stati Uniti è piccolo. Un singolo come "You Rock My World" avrebbe venduto qualche migliaio di copie, abbastanza per guadagnare punti cruciali per le classifiche Billboard, ma non abbastanza per danneggiare le vendite dell'album. Inoltre, l’impatto promozionale sul pubblico di un singolo al numero 1 è forte. La decisione di Sony Music di non pubblicare il singolo è stata chiaramente di parte. Jay-Z, che aveva remixato "You Rock My World" su richiesta di Jackson, si rifiuta di lasciare che la Sony Music usi il suo remix per i singoli di "You Rock My World" nel mondo perché la casa discografica gli ha negato il diritto di usare la voce di Jackson su un remix della sua canzone "Girls, Girls, Girls" che hanno registrato insieme. Dopo "You Rock My World", " Cry" è il nuovo singolo rilasciato dall’album INVINCIBLE in America. Viene assunto il regista Nick Brandt per girare il video. Tuttavia, fin dall'inizio Michael Jackson non è contento del progetto a basso budget proposto dalla Sony Music. Diventa così contrariato per la rigidità della Sony Music in questa situazione che decide di non comparire nel video. Il video verrà poi rilasciato senza la sua partecipazione.

Ottobre 2001: INVINCIBLE viene rilasciato in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, l'album viene rilasciato con un minimo di promozione. Quando l'album diventa un successo in America nonostante la scarsa promozione, la Sony Music se ne prende il merito sostenendo convenientemente che la promozione di basso profilo è voluta affinché le persone si concentrino sulla musica.

Novembre 2001: Michael Jackson porta a termine la produzione di "What More Can I Give", una canzone di beneficenza per le famiglie delle vittime dell'11 settembre, con la collaborazione di uno straordinario gruppo di cantanti (tra cui Mariah Carey, Celine Dion, Ricky Martin, Gloria Estefan, Britney Spears e Carlos Santana). Purtroppo, la Sony Music nega a Michael il diritto di rilasciarlo. A causa di obblighi contrattuali, Michael Jackson non può rilasciare il disco con un'altra etichetta senza l'approvazione di Sony. Dal momento che Sony Music non vuole rendere le cose facili a un artista con cui sono costantemente in lotta, usano il progetto "What More Can I Give" per fargli pressioni. Se vuole rilasciarlo, deve cedere su maggiori interessi finanziari. Dopo aver studiato ogni via legale per pubblicare il suo singolo di beneficenza, Michael Jackson scopre di essere stretto in un angolo e alla fine abbandona il progetto. “Butterflies” è il terzo singolo di INVINCIBLE ad essere distribuito alle radio in America. La canzone diventa un successo immediato e comincia a scalare le classifiche di Billboard. Ma Sony Music ancora non è disposta a rilasciare la canzone per aiutarlo a raggiungere il 1° posto in classifica. Ulteriori problemi si aggiungono quando il progetto di un video per “Butterflies” viene discusso da Michael Jackson e Sony Music. Ancora una volta, Michael Jackson non è soddisfatto del trattamento che Sony Music gli propone e non vuole partecipare a un progetto in cui non crede. Le discussioni giungono a un punto morto e il progetto di un video per "Butterflies” viene accantonato.

Febbraio 2002: Sony Music intensifica la sua pressione finanziaria su Michael Jackson. L'artista è costretto a prendere in considerazione di fare un tour mondiale per raccogliere i fondi necessari a finanziare suoi altri progetti e restituire il suo prestito. Tuttavia, Michael Jackson aveva messo in chiaro che non voleva più andare in tour. Ora, è costretto a riconsiderare la sua decisione.

Marzo 2002: 3 apparizioni televisive promozionali in programma in Europa vengono cancellate come conseguenza della faida tra Michael Jackson e Sony Music. Su richiesta di Sony Music, il regista David Meyers lavora su un’idea per il video di "Unbreakable". Ma Michael Jackson non è soddisfatto del progetto. La sua idea viene ritenuta troppo costosa e Sony Music non è disposta a finanziarlo. Come risultato di questa nuova controversia, Michael Jackson decide di autoprodursi il video "Unbreakable" e comincia a lavorare da solo al progetto.

Per la fine di marzo, Sony Music toglie Michael Jackson dalla loro lista di progetti "di priorità internazionale”. A soli 5 mesi dall'uscita di INVINCIBLE, l'album non è più considerato una "priorità" da parte della casa discografica. A titolo di confronto, l'album HIStory aveva smesso di essere una "priorità internazionale" alla fine del 1997, più di 2 anni dopo la sua uscita. Sony Music sta cercando di soffocare Michael Jackson finanziariamente. Gli impediscono di promuovere in modo adeguato il suo album per ottenere la sua parte del catalogo. Questa manovra è ingiusta. È un evidente sabotaggio. INVINCIBLE è un grande album. Ha venduto più velocemente di qualsiasi altro album di Michael Jackson e prometteva un grande futuro. Non lasciate che Sony Music seppellisca INVINCIBLE. DIFFONDETE LA VERITA’ E SOSTENETE MICHAEL JACKSON. -

Se come noi pensate che quelle ultime righe -  DIFFONDETE LA VERITA’ E SOSTENETE MICHAEL JACKSON – mantengano la loro rilevanza anche dopo la morte di Michael per omicidio, continuate a condividere queste informazioni con chiunque affermi di amarlo e averlo a cuore. Sarà il tempo a dire se le loro erano solo parole.

 

Memorandum per smascherare immediatamente le bugie più diffuse sulla controversia tra Michael e la Sony:

BUGIA: La controversia di Michael Jackson con la Sony era limitata al dirigente della casa discografica all’epoca di Invincible, Tommy Mottola.

VERITA': Mottola si dimise nel gennaio 2003 e Michael Jackson continuò a denunciare pubblicamente la cospirazione ai suoi danni alla fine di quell’anno (intervista con Ed Bradley nel novembre 2003) e ancora nel 2005 (intervista con Jesse Jackson – marzo 2005).

BUGIA: Michael Jackson ha continuato a pubblicare album con la Sony anche dopo la campagna per Invincible

VERITA': Sono stati pubblicati esclusivamente album per i quali la Sony esercitava dei diritti che Michael Jackson non poteva contrastare. Con decine di demo pronte per album di musica nuova, Michael Jackson ha preferito riconsiderare l’idea di tornare ad esibirsi sul palco, e senza nessun nuovo album da promuovere, piuttosto che ripubblicare con Sony i suoi nuovi lavori.

BUGIA: Michael Jackson avrebbe accolto con favore il nuovo contratto discografico con la Sony che è stato siglato dopo la sua morte.

VERITA': Appena prima della sua morte, Michael Jackson stava progettando album e singoli di cui voleva parlare con tutte le maggiori etichette discografiche tranne la Sony, come dimostra questa nota scritta di suo pugno


 

COMMENTI

Please login to post comments or replies.