Il nuovo linciaggio di Michael Jackson: Leaving Neverland di Dan Reed potrebbe, di fatto, lasciare del sangue su molte mani.

By: Linda-Raven Woods

L'America ha una lunga e sordida storia di linciaggio o di condanna ingiusta degli uomini afro-americani basata sulle false accuse di accusatori bianchi. L’elenco dei nomi noti alla storia è lungo e risuona fragoroso - Robin White, Emmett Till, Charlie Weems, Ozie Powell, Clarence Norris, Andrew e Leroy Wright, Olen Montgomery, Willie Anderson, Haywood Patterson, Eugene Williams (gli ultimi nove conosciuti collettivamente come "The Scottsboro Boys ") a nomi contemporanei come Vincent Patton, ancora detenuto nel carcere in Angola nonostante il fatto che il suo accusatore bianco abbia confessato che "tutti gli uomini di colore si somigliano" e quindi non poteva nemmeno dire con certezza che Patton l’aveva violentato. E in questi casi non sono nemmeno inclusi i molti i cui nomi sono stati a lungo persi nella storia;  quelli che pagavano il prezzo definitivo per le paure paranoiche di un'America dell'era di Jim Crow. "Attualmente viviamo in un mondo fatto di notizie false e fatti alternativi", ha scritto Martinzie Johnson in un eccellente articolo intitolato "Essere neri in un mondo di menzogne ​​bianche". Martinzie afferma poi che "le bugie bianche hanno conseguenze tangibili".

Martinizie ha scritto questo pezzo pochi giorni dopo la confessione bomba di Carolyn Bryant, la giovane donna bianca la cui accusa ad Emmett Till, cinquantadue anni prima, ha portato il ragazzo quattordicenne a essere rapito dalla casa dello zio e assassinato dal marito e dal cognato. C’è voluto mezzo secolo perché Bryant ammettesse finalmente al biografo Timothy B. Tyson che "niente di quel ragazzo giustifica ciò che gli è stato fatto".

L'attuale campagna pubblicitaria che è stata costruita attorno a Leaving Neverland, un film diretto da Dan Reed e finanziato e distribuito da HBO negli Stati Uniti e Channel 4 nel Regno Unito, potrebbe apparire ingannevolmente all'inizio come un film importante per l'era #MeToo, sottolineando i presunti abusi sessuali che Michael Jackson avrebbe inflitto a due giovani ragazzi che lo hanno idolatrato e fatto cadere - in un grande disegno genitoriale - nella sua cerchia. Almeno, questo è quello che è successo secondo il clamore che è stato creato intorno ad esso. Ma uno sguardo più attento rivela molte ragioni inquietanti per sostenere che questo agenda-driven film [film studiato a tavolino ( ? ) NDT] ha poco a che fare con l'integrità giornalistica o la preoccupazione per le vittime di abusi sessuali. Invece, ci sono molti motivi giustificabili per argomentare il perché questo film è semplicemente una nuova svolta sul vecchio concetto di linciaggio di un uomo nero basato su bugie bianche. Il fatto che sia un uomo di colore che è anche apparso come una delle figure più amate e potenti dell'intrattenimento è, naturalmente, la vera questione al centro della polemica del film, insieme al fatto che siamo nel decimo anniversario della sua morte. In un momento in cui la vita di Michael Jackson dovrebbe essere oggetto di affettuosi ricordi e riflessioni sulla sua eredità artistica, abbiamo invece ottenuto questo: l'equivalente di un linciaggio postumo del 21 ° secolo basato su nient'altro che le testimonianze non corroborate di due uomini la cui causa civile contro la sua Estate è già stata respinta, non una ma due volte.

Perché la folla "destata" si riaddormenta in modo così determinatamente al volante?  E una domanda ancora più preoccupante: perché molti dei più influenti giornalisti negli Stati Uniti e nel Regno Unito lo abilitano? Il controverso film di Dan Reed ha effettivamente raggiunto un obiettivo positivo ancora prima della messa in onda programmata, anche se potrebbe non essere l'obiettivo che lui intendeva.

Di sicuro, il film ha aiutato a gettare molta luce sulle ombre di #MeToo, rivelando alcune sorprendenti verità oscure riguardo a chi è stato designato per proteggere il movimento - e su chi si è disposti a fare un  sacrificio.

Ma prima, torniamo indietro e guardiamo i giocatori chiave in questo dramma. Abbiamo Michael Jackson, la cui storia è già passata al regno di una figura mitica americana, un povero ragazzo nero che si è fatto strada dal nulla per diventare una delle figure musicali più leggendarie di tutti i tempi. E’ stato un uomo che ha lavorato senza sosta dall'età di cinque anni per costruire la sua eredità. Nei 45 anni della sua vita che ha donato al pubblico, è riuscito a battere tutti i record, a realizzare ciò che pochi artisti neri prima di lui avevano fatto (incluso possedere, in una volta sola, metà del catalogo ATV di Sony), e costruire un eredità che è intricata nel tessuto della cultura pop americana. Ma oltre a ciò, è diventato un'icona del mondo in un modo che solo pochi artisti americani hanno raggiunto.

Questo è il percorso più lungo per dire che Michael Jackson ha lavorato duro - dannatamente - per costruire ciò che ha ottenuto. E prima che iniziamo a cercare di smantellare quell'eredità basandoci su nient'altro che le parole di due bianchi che si sono uniti alla sua lunga lista di detrattori, faremmo meglio a guardare duramente e a lungo ai fatti. Cioè, se vogliamo essere a posto con noi stessi quando si scateneranno le conseguenze di tutto ciò.

Ma qui sta almeno parte del problema. La maggior parte di coloro che hanno già seguito la storia in qualche modo sono già almeno superficialmente consapevoli che ci sono problemi inerenti alle affermazioni di Wade Robson e James Safechuck, i due soggetti di questo documentario. È noto, ad esempio, che Wade Robson – all’età di 23 anni - ha testimoniato in difesa di Jackson nel suo processo del 2005, sotto giuramento e pena di spergiuro che non è mai successo nulla di sessuale tra loro. Ma le incongruenze, così come le tempistiche problematiche e sempre mutevoli nelle loro storie, vanno molto più in profondità.

Il 7 febbraio 2019, l’Estate di Michael Jackson ha inviato una lettera infuocata al CEO di HBO Richard Plepler, seguita dopo un paio di giorni da un'altra lettera al CEO di Channel 4, Alex Mahon. La lettera a HBO delineava, con minuziosi dettagli di 10 pagine, la lunga e problematica storia delle affermazioni di Robson e Safechuck (provenienti da avvocati che hanno passato la maggior parte degli ultimi sei anni a combattere queste stesse accuse in tribunale), mentre la lettera a Channel 4 ha specificato che il programma è in diretta violazione delle linee guida del canale per il giornalismo etico, citando una clausola che afferma che qualsiasi programma che fa "accuse significative" deve consentire a "gli interessati" di "dare un'opportunità appropriata e tempestiva per rispondere". Entrambe le lettere erano potenti denunce contro i due accusatori, esplicitamente dettagliate, ed evidenziavano i numerosi difetti e le inesattezze nelle loro storie. Collettivamente, hanno rivelato la storia oscura di due opportunisti che hanno approfittato della generosità e dell'amicizia di Jackson.

È interessante notare che ciò che Dan Reed ha scelto di lasciare fuori dal suo film è importante tanto quanto quello che ha scelto di mettere dentro. Mentre io non ho visto il film, conosco le fonti che lo hanno visto e che sono state in grado di descrivermi dettagliatamente ciò che rappresenta. È francamente un film unilaterale in cui si ascoltano solo due voci, quella di Robson e Safechuck. Ora, facciamo un'analogia. Supponiamo che tu debba prendere una decisione in un caso giudiziario basato solo sull'esame del caso che ha presentato l’accusa. Supponiamo che non ci sia difesa, nessun esame incrociato, nessuna presentazione di prove a discarico, nessuna dichiarazione di apertura e nessuna discussione conclusiva. Senza dubbio, troveresti la storia presentata solo attraverso la voce dell'accusa e i loro testimoni, abbastanza convincente. È solo sotto esame che quelle storie spesso iniziano a sgretolarsi, sollevando ciò che potremmo chiamare un ragionevole dubbio. Ed è solo attraverso le prove a discarico che possiamo effettivamente pesare la colpevolezza di un accusato, o la sua mancanza.

Leaving Neverland è essenzialmente l'equivalente di una testimonianza di quattro ore di due testimoni dell'accusa che cercano di essere convincenti, senza il beneficio del contro-esame. Divertente? Forse, se consideri divertenti quattro ore di descrizioni estremamente grafiche di atti sessuali contro bambini. Veritiero? Difficile da dire, tranne che conosciamo i precedenti degli accusatori. Giusto o etico? Assolutamente no, soprattutto considerando che il soggetto accusato nel film è deceduto.

Il che ci riporta alla debole difesa di Channel 4 quando si confronta con l’Estate. La loro dichiarazione è che il film contiene le smentite che Jackson ha fatto nella sua vita. Tuttavia, questi sarebbero stati i dinieghi che Jackson ha sollevato contro le accuse formulate contro di lui nel 1993 e nel 2005. Non ha avuto l'opportunità di "negare" le accuse fatte da Robson e Safechuck, che hanno aspettavano, rispettivamente, quattro e cinque anni dopo la sua morte, per poterle fare.

Per quanto riguarda HBO, la loro unica risposta - dopo aver delineato per loro in 10 pagine terribilmente dettagliate, esattamente tutto ciò che era sbagliato nelle storie che questi due uomini sostengono – è stata che "era potente". In altre parole, quello che stanno effettivamente confessando è che le valutazioni contano più della verità, della correttezza o dell'accuratezza.

Questo fa sorgere la domanda: HBO sarebbe stata così veloce nel finanziare e sostenere questo progetto se il suo soggetto fosse stato una celebrità diversa da Michael Jackson? Inoltre, la condanna immediata dei media sarebbe stata così rapida da correre al giudizio senza che almeno si sollevasse un punto interrogativo o una richiesta di controllo sull'accuratezza del film? La mia ipotesi è che la risposta sarebbe stata no.

Naturalmente, se solleviamo questa domanda, sarebbe anche giusto riconoscere che l'eredità di Jackson è quella che molti sentono già contaminata dal dubbio. Dopo tutto, è stato accusato dai genitori di Jordan Chandler nel 1993, e dieci anni dopo, le accuse di Arvizo lo hanno portato ad un estenuante processo di cinque mesi che si è concluso con la sua assoluzione su tutti e 14 i capi d'accusa. Sarebbe comprensibile avere dubbi e domande, come ho fatto nel 2009 quando ho iniziato a ricercare le accuse fatte contro Jackson. Per molti, quelle domande persistenti sono rimaste anche dopo la morte di Jackson. A quel tempo, il sentimento pubblico si divideva in gran parte in tre settori: quelli che credevano sempre, inequivocabilmente, nella sua innocenza; quelli che dicevano: "qualunque cosa possa essere accaduta, è passata; fatelo riposare in pace”; e poi quei pochi che hanno continuato, con ostinata determinazione, a dissotterrare il suo cadavere e presentarlo per un nuovo processo alla corte dell'opinione pubblica. Può essere ovvio che coloro che stanno dietro e sostengono questo progetto rientrino in quest'ultima categoria. Ma se non accettiamo l'ingenua spiegazione che questo progetto riguarda la "giustizia per le vittime", ci sono domande più grandi che devono essere affrontate: chi c'è davvero dietro a questo? Inoltre, perché ora, e cosa sperano davvero di ottenere da tutto ciò?

È incredibile, INCREDIBILE, che nessuno nei media mainstream - non un serio giornalista investigativo - sembri disposto a sollevare queste domande.

Quello che molti non riescono a capire è che Jackson, è diventato un bersaglio per un programma razzista organizzato a tavolino .  Ciò che appare, ingannevolmente, come un caso di "fuoco e fiamme" è in realtà una lunga e piuttosto complicata storia di "fumo negli occhi". La prima accusa nasce da una disputa personale tra Jackson e il padre del primo ragazzo, Evan Chandler, quando Jackson ha rifiutato di finanziare la trilogia di progetti cinematografici di Chandler. Anche se alla fine Jackson risolse il caso in via extragiudiziale, l'accordo civile non precludeva un processo penale. Piuttosto, due udienze del Grand Jury non sono riuscite a far presentare un'accusa. Tuttavia, poiché Jackson ha risolto il caso in questo modo, ciò ha aperto la porta all’ ottenimento di un guadagno finanziario a sue spese; è nata così un'industria casalinga che accusa Michael Jackson. Ogni accusa fatta da allora, comprese quelle di Robson e Safechuck, è diventata così una questione  di soldi. È, dopo tutto, facile inventare una storia convincente, e nel caso di Michael Jackson, tutto ciò che dovevano fare era studiare i dettagli e gli schemi delle storie precedenti. Un fatto poco noto è che Janet Arvizo ha consultato lo stesso avvocato che aveva rappresentato i Chandler (uno schema che è stato replicato in quanto Robson e Safechuck sono rappresentati dallo studio legale Manly, Stewart e Finaldi). Molti di questi shadesters [detto di persone che non possono essere considerate attendibili. NDT) erano convinti che lo scenario migliore fosse quello in cui avrebbero potuto ottenere un guadagno economico alla pari dei Chandler. Ma per lo meno, anche quando sapevano che le loro storie fasulle non avrebbero mai resistito in un tribunale, potevano sempre contare sui tabloid, alcuni dei quali erano noti per sborsare cifre fino a sei zeri per qualsiasi potenziale sporcizia su Michael Jackson. Il caso del 2005 contro Jackson è stato, in realtà, una vera e proprio parodia della giustizia che non sarebbe mai dovuta andare in giudizio, un altro caso di una famiglia che ha approfittato della sua generosità e poi ha cercato di "recuperare" quando l'amicizia si è inasprita. Tuttavia, se c'è stato almeno un aspetto positivo che ne è derivato, è stato il fatto che questo è stato anche il processo con giuria che Jackson non ha avuto nel 1993. Tom Sneddon, nella sua gongolante determinazione  a "catturare" Jackson a tutti i costi, in realtà ha invertito le allora attuali leggi della California contro l'inserimento di accuse precedenti. Ciò ha significato che anche le domande, le prove e i testimoni del caso del 1993 potevano essere introdotti.

Jackson, in sostanza, non fu solo scagionato dalle affermazioni fatte dalla famiglia Arvizo contro di lui, ma anche da quelle dei Chandler. Sembrava  che in teoria, almeno,  avesse finalmente avuto la possibilità di combattere quelle accuse in tribunale proprio come aveva inizialmente voluto fare nel '93.

Il film di Dan Reed graffia solo la superficie delle accuse di Chandler e Arvizo, il che può essere comprensibile dal punto di vista narrativo se si focalizza sulle storie delle famiglie Robson e Safechuck, ma sembra comunque un'omissione sconcertante per un film il cui contesto intero viene fuori da questi due passati gruppi di accuse.

Ciò che è più dannoso, tuttavia, è anche il fatto che il suo film gratti solamente la superficie delle due più attuali dichiarazioni con cui si suppone abbiano avuto a che fare. Il film presenta solo i soggetti stessi che raccontano il loro presunto stato di vittime e le loro presunte storie di abusi, mentre scelgono volutamente di omettere qualsiasi contro-narrativa o testimonianza di confutazione. Nella sessione di domande e risposte che ha seguito la premier del film al Sundance, Dan Reed è apparso come se volesse evitare questa domanda molto specifica quando gli è stata chiesta.

https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=BMcte6orvQc

Data la natura molto seria delle accuse mosse in questo film, omettere di proposito qualsiasi tipo di testimonianza di confutazione (specialmente sul conto di un individuo deceduto) va oltre l'immorale.

Mentre Dan Reed, HBO e Channel 4 hanno continuato a nascondersi dietro il mantra dei ripetuti "lasciate che sia lo spettatore a decidere", il film in sé non offre tale opportunità.

Inoltre, il film sembra omettere intenzionalmente dettagli che ovviamente sollevano interrogativi nella mente dello spettatore riguardo alle motivazioni di Robson. Ad esempio, perché Robson ha continuato a difendere Jackson e a parlare brillantemente della sua amicizia con lui fino al 2013, quando gli è stata negata la possibilità di dirigere lo spettacolo del Cirque du Soleil di Michael Jackson?

 

TRADUZIONE della LETTERA inviata da Wade Robson al progettista del Cirque du Soleil François Séguin DATATA 21 Maggio 2011.

«François, comunque siano andate le cose, questa è una richiesta che avrei voluto farti da molto tempo.

Il mio primo errore è stato immaginare di poter dare tutto me stesso allo Show del Cirque dedicato a MJ, dirigendo contemporaneamente il mio primo film e diventando per la prima volta padre.

Ho sempre desiderato fare questo spettacolo a tema MJ, a tutti i costi. Ma poi, quando dovetti venire a quell'incontro a Montreal con delle idee, mi resi conto di non avere una briciola di spazio creativo da dedicare allo show. Venni assorbito al 100% dal lavoro in regia.

Non ti dissi niente quando parlammo l'ultima volta perché stavo ancora cercando di convincermi, con tutto me stesso, che avrei potuto farlo. Lo desideravo a tutti i costi.

Ma dopo aver parlato con te mi resi conto che, a causa del lavoro in regia, non avrei potuto dare allo spettacolo ciò di cui aveva bisogno. Quindi me ne sono tirato fuori.

Ora, ho assolutamente sbagliato a non chiamarti, spiegandoti le motivazioni e scusandomi. Mi rendo conto di essere estremamente dispiaciuto. Non ero me stesso negli ultimi due mesi. Questa è l'unica spiegazione che possa dare. Ma nessuna scusa. È stata colpa mia.

Guarda, il lavoro in regia non è andato bene. Mi stava consumando in modo malsano e non poteva coincidere con il fatto di essere diventato papà. Forse non era il momento giusto. Forse non ero pronto per dirigere un film in studio. In ogni caso, ho abbandonato il progetto.

Sono davvero dispiaciuto per il dietro front. Ma ora che non ho più conflitti d'interesse con il film, nulla mi piacerebbe di più che coreografare lo show di MJ.

Capisco perfettamente che tu adesso sia irritato e dubbioso all'idea. Ma, se sei interessato a questa possibilità, prometto al 100% che questa volta, una volta entrato, vi rimarrò. Non dovrai più preoccuparti dei miei impegni. Ho imparato molto da questa lezione. Ho capito cosa ho sbagliato. L'errore che ho commesso. È successo tutto per una ragione.

So di essere destinato a fare questo spettacolo. Sono entusiasta all'idea di farlo. Voglio renderlo sorprendente per me, per te, per il Cirque e, naturalmente, per Michael.

Perché dovrei credere che mi darai questa possibilità?

Per tutto ciò che ho imparato da questa lezione. La direzione di un film ha rappresentato un campo completamente nuovo per me e non ero pronto. Ma la danza e la coreografia sono ciò che ho fatto per tutta la vita. So come si fa. E ci sono poche cose che conosco più di Michael Jackson».

TRADUZIONE A CURA DI Giusy Mascolo e Vincenzo Compierchio per Mjfs Michael Jackson FanSquare.

Perché ha mentito, affermando sotto giuramento che non aveva intrapreso alcuna conoscenza con l’Estate di Jackson nel 2013 quando, in realtà, è stato registrato che ha incontrato John Branca per discutere dell’ingaggio al Cirque nel 2011? Perché sostengono che le storie di Robson e Safechuck sono completamente indipendenti l'una dall'altra, quando la realtà è che entrambi sono stati rappresentati dagli stessi avvocati dal 2014? Perché Safechuck è autorizzato a mentire clamorosamente nel film su Jackson che lo contatta per difenderlo nel 2005, quando gli avvocati coinvolti nel caso hanno affermato esplicitamente che è stata presa la decisione che la testimonianza di Safechuck non sarebbe stata necessaria, e che a Jackson non sarebbe stato permesso di contattare personalmente potenziali testimoni?

Perché i primi comunicati stampa tentarono di nascondere le identità dei due uomini in questione, anche se la famiglia Jackson, l'Estate e i fan che avevano seguito questa storia in via di sviluppo da sette anni non avevano assolutamente dubbi su chi fossero i due uomini in questione? La risposta ovvia è che è stata una strategia ben pianificata per creare un "punto cieco", impedendo a queste entità (in particolare la famiglia e l’Estate di Jackson) di avere il tempo di preparare una risposta adeguata o una contromossa.

Quando la prima lettera dell’Estae a HBO non fu ascoltata, l’Estate diede seguito alla sua minaccia e intentò una causa di cento milioni di dollari contro HBO. In quella lettera, si menzionava un uomo di nome Victor Gutierrez che è stato a lungo associato al nome di Jackson ed è stato a lungo sospettato di essere una "fonte" per le accuse mosse contro Michael Jackson. La storia racconta che Gutierrez, un reporter cileno arrivato a Hollywood a metà degli anni '80 che si considerava un giornalista investigativo, si è infiltrato in un certo numero di incontri NAMBLA (di cui si è persino guadagnato l'iscrizione). Secondo quanto riferito, in questi incontri clandestini, Gutierrez ha sentito di sospetti su alcune celebrità sospettate appunto di essere dei pedofili “nascosti”. Il presunto obiettivo di NAMBLA era quello di "spegnere" queste celebrità in un disperato tentativo di "normalizzare" la loro causa. Ma c'era un problema, dal momento che spesso questi nomi circolavano senza alcuna prova concreta. Voci e insinuazioni erano sufficienti. Michael Jackson era uno di questi nomi che è saltato fuori, in gran parte perché Jackson stava coltivando la sua immagine di "Kid Power". Quelli all'interno della troupe di NAMBLA che erano responsabili per l'avvio e la diffusione di quelle voci non hanno tenuto conto del fatto che "Kid Power" faceva parte di un duplice piano di pubbliche relazioni per Jackson, 1: perché credeva sinceramente e genuinamente nella capacità dei bambini di guarire il mondo, e 2: Come qualcuno che era stato sfregiato dalla celebrità nell'infanzia, ha cercato di "restituire" autorizzando e servendo come modello ed esempio positivo per i bambini nel settore, come notato dal suo amico e sostenitore di lunga data Corey Feldman. https://www.youtube.com/watch?v=u-rtftB-7qs&feature=youtu.be

https://www.youtube.com/watch?v=MbwWvyAq5TM


Coloro che parlano disinvoltamente "dell’ossessione" di Michael Jackson per i bambini non riescono a notare le cause fondamentali e radicate di quell'apparente ossessione, che sembrava scaturire profondamente dal suo stesso dolore e da un innato desiderio di proteggere i bambini dallo sfruttamento nel settore dell'intrattenimento da parte delle stesse forze malvagie che lo avevano sfruttato. Questo, e niente di più, sembrava essere la fonte di quelle voci. Ma di tutti i nomi citati, Gutierrez a quanto pare, con tutta la sua esperienza ha deciso di indagarne ulteriormente uno: Michael Jackson.

È noto infatti che Gutierrez conosceva e si consultava con Evan Chandler, proprio nello stesso periodo in cui Chandler stava diventando sempre più scontento della mancanza di "cooperazione" di Jackson nel finanziare i suoi progetti ed era diventato sempre più geloso del rapporto di Jackson con la sua ex moglie June , il figlio Jordan e la figlia Lily.

https://www.youtube.com/watch?v=gyStgEsv7Lg

C'è stato anche un lungo e sospettoso legame tra Victor Gutierrez e Rodney Allen, un canadese che è stato poi arrestato per aver condotto un giro di prostituzione maschile minorenne a Toronto, e che è stato sorpreso a istruire i suoi ragazzi su come convincere con delle bugie persuasive di essere stati molestati da Michael Jackson. Il suo piano fu rivelato quando scrisse una serie di lettere a Diane Dimond per Hard Copy, firmate dal ragazzo, e l'indagine follow-up che ne seguì lo portò a confessare tutto.

https://www.youtube.com/watch?v=fiJBQcfTcSo

Questa storia è importante, in quanto rivela fino a che punto questi individui sono stati capaci di arrivare per inventare delle storie su Jackson in cui una storia proprio non esisteva. Questo è, in sostanza, esattamente come “l'industria casearia” di inventare storie sull'abuso di Michael Jackson ha continuato a prosperare. Sostenuti da questo tipo di conoscenza, difficilmente si possono incolpare i suoi fan di aver parlato apertamente di ciò che è percepito come un'evidente vendetta, o di essere scettici quando sorgono tali "affermazioni".

Nel 1995, lo stesso anno in cui Hard Copy svelò la truffa a Toronto, Victor Gutierrez colpì di nuovo, questa volta apparendo su Hard Copy per affermare di essere a conoscenza dell'esistenza di una videocassetta che avrebbe mostrato che Jackson aveva abusato di uno dei suoi nipoti. Tuttavia, messo sotto pressione, è stato costretto a rivelare che non aveva tale nastro in suo possesso. Ciò non ha comunque impedito a Diane Dimond, di partecipare al talk show radiofonico KABC-AM per promuovere il nastro, anche se non aveva mai visto un nastro del genere e poteva contare solo sulla parola di Gutierrez.

L'ex moglie di Jermaine Jackson, Margaret Maldonado, ha ricordato di aver ricevuto una telefonata sul presunto nastro, nel suo libro Jackson Family Values:

"Ho ricevuto una telefonata da una scrittrice di nome Ruth Robinson. Conoscevo Ruth da un po’ e rispettavo la sua integrità. Ciò ha reso tutto ciò che aveva da dirmi ancora più difficile da ascoltare. "Volevo avvertirti, Margaret," disse. "C'è una storia che circola sul fatto che c'è una videocassetta di Michael che molesta uno dei tuoi figli, e che hai il video." Se qualcun altro avesse detto quelle parole, avrei riattaccato il telefono. Data il lungo rapporto che ho avuto con Ruth, tuttavia, le ho fatto la cortesia di risponderle. Le dissi che non era vero, naturalmente, e che volevo che la storia si fermasse sul nascere. Era stata in contatto con qualcuno che lavorava al National Enquirer che l'aveva avvertita che stava scrivendo una storia su quel documento. Ruth mi ha messo in contatto con la donna e ho negato con veemenza la storia. Inoltre, le dissi che se la storia fosse uscita, avrei posseduto il National Enquirer prima che le cause legali che avrei portato in tribunale fossero finite. A suo merito, il National Enquirer non ha mai pubblicato il pezzo. "Hard Copy", tuttavia, decise che sarebbe stato così. La corrispondente di "Hard Copy" Diane Dimond aveva riferito che le autorità stavano riaprendo il caso di molestie contro Michael. Aveva anche fatto delle accuse dalla stazione radio di L.A. KABC-AM in un talk show mattutino condotto da Roger Barkley e Ken Minyard. Le affermazioni della Dimond erano basate sulla parola di uno scrittore freelance di nome Victor Gutierrez. La storia era una bugia oltraggiosa. Non una parte di essa era vera. Non avevo mai incontrato l'uomo. Non c'era nessun nastro. Michael non mi ha mai pagato per il mio silenzio. Non aveva mai molestato Jeremy. Punto. " - Margaret Maldonado, Jackson Family Values

Ma l'ossessione di Victor Gutierrez per Michael Jackson non finì qui. Nel 1997, ha scritto un libro che sosteneva provenisse da un diario segreto tenuto da Jordan Chandler. L'unico problema è che nessun diario di questo tipo è mai esistito! L'intero libro era un’opera fantasma scritta da Gutierrez, in un linguaggio che non era solo sospettosamente adulto, ma anche graficamente (e preoccupantemente ) erotico, persino a partire dal titolo (non “Michael Jackson Was My Abuser”, ma “Michael Jackson Was My Lover”).

 

Molti lettori si sono affrettati a notare che il libro informava sospettosamente su niente di più che erotismo pornografico infantile. È stato, come si è scoperto, poco più che un pezzo di propaganda NAMBLA, scritto con l'intento di promuovere l'amore uomo/ragazzo, e con l'aggiunta di lanciarlo con il nome di Michael Jackson. Ciò che è ancora più inquietante è il fatto che Gutierrez e il padre del ragazzo, Evan Chandler, hanno ovviamente collaborato al progetto, come dimostra questo disegno molto rozzo riguardante mil libro, in cui Chandler e Gutierrez stavano tentando di raggiungere una sorta di consenso reciproco su come presentare l'apparizione dei genitali di Jackson (importante notare qui che, secondo il libro di Ray Chandler “All That Glitters”, Evan Chandler, un dentista delle star, una volta ha somministrato a Jackson una dose di Toradol nei glutei). Vale anche la pena notare che queste note di Gutierrez e Chandler stanno ipotizzando che Jackson era circonciso, quando in realtà il rapporto della sua autopsia ha rivelato che non lo era.

Nel 1998, Michael Jackson ha intentato una causa per diffamazione contro Gutierrez, Diane Dimond, Hard Copy e KABC-AM. Dei 100 milioni di dollari che chiedeva come risarcimento danni, il Tribunale ha assegnato 2,7 milioni di risarcimento solo a Michael Jackson che dovevano essere pagati direttamente da Victor Gutierrez. Tuttavia, Gutierrez fuggì dal Paese e tornò in Cile, sfuggendo così alla sentenza. Jackson non ha mai visto un centesimo di quei 2,7 milioni di dollari.

Secondo il sito web MichaelJacksonAllegations.com, "Molti dei testimoni che hanno testimoniato per l'accusa al processo di Jackson del 2005, e per i quali il caso del "prior bad acts” [presunti reati precedenti] era per lo più costruito, erano persone che hanno avuto contatti con Victor Gutierrez prima di vendere le loro storie ai tabloid per soldi ... " e " L'ex guardia di sicurezza, Ralph Chacon ha testimoniato che lui e altri ex dipendenti di Jackson (che i media chiamavano spesso "Neverland 5") hanno parlato con Gutierrez prima di vendere la loro storia a The Star magazine. L’ex guardia giurata, Kassim Abdool ha testimoniato di aver incontrato Gutierrez una volta e che hanno avuto una conversazione di due o tre ore. L'ex cameriera, Adrian McManus ha testimoniato che Gutierrez "avrebbe cercato di aiutarci nella nostra causa" (non a caso, questo include alcuni degli stessi personaggi che sono usciti dalla proverbiale “falegnameria” che faceva  il giro delle interviste sui tabloid e dei talk show in TV fin dall’anteprima di  Leaving Neverland). Adrian McManus, un ex dipendente che era stato licenziato per aver rubato a Jackson, è stato protagonista di una recente puntata di 60 Minutes in Australia).

Il ruolo di Victor Gutierrez nel film in corso, Leaving Neverland, non può essere sottovalutato, soprattutto perché sembra sospetto che molte delle affermazioni fatte da Robson e Safechuck - ma soprattutto da Safechuck – hanno avuto origine nel libro “Michael Jackson Was My Lover”, in particolare le molto specifiche rivendicazioni di un matrimonio, la donazione di gioielli, la presunta gelosia di rivali femminili specificamente nominate, e altre costruzioni che erano molto tipiche della narrativa inventata da Gutierrez.

Potrei continuare su questa linea, indefinitamente, ma la verità è che entrare in un resoconto dettagliato di ogni lacuna nelle storie di Robson e Safechuck andrebbe ben oltre lo scopo di un singolo articolo. Ma altrettanto rivelatore è quando i membri della famiglia Robson e Safechuck si lamentano nel film di tutto ciò che Jackson apparentemente non ha fatto per loro. Mentre è vero che Wade Robson ha vinto un concorso di danza che gli ha permesso di incontrare il suo idolo Michael Jackson, e che Jackson lo ha invitato a ballare sul palco durante il Bad tour, la narrativa inizia a diventare molto più oscura dopo. La verità è che fu Joy Robson a inseguire inesorabilmente Jackson in seguito. Michael Jackson, infatti, non "doveva" nulla alla famiglia Robson dopo aver lasciato l'Australia nel 1987, e ciò che ha fatto per loro è stato dato per generosità. Di certo non "lo doveva" alla famiglia Robson quando ha dato a Wade un ruolo in uno dei suoi video musicali, figuriamoci per tutti gli altri benefici e comfort. Eppure, secondo una fonte che ha visto il film al Sundance, Joy Robson si lamenta amaramente nel film, di dover noleggiare un veicolo per portare suo figlio alle riprese video e di dover vivere in uno squallido appartamento. Quindi qui abbiamo delle famiglie che diffamano Jackson per tutto quello che "non ha" fatto per loro, eppure ogni gesto che ha FATTO per loro che dimostra gentilezza o premura è intenzionalmente interpretato nel film come prova di "adescamento", perfino un messaggio di compleanno che, Jackson ha evidentemente registrato per Wade perché era ovviamente troppo occupato per essere lì a dirglielo di persona. Diventa abbondantemente chiaro, in meno di un'ora, in questa opera di più di quattro ore di film, che queste due famiglie stanno decisamente mettendo Jackson all’angolo, in cui  ineludibilmente é "dannato se lo ha fatto; e dannato se non lo ha fatto. "

Riepilogo dalla deposizione di Wade Robson (immagine gentilmente concessa da @ralphlulaneon)

In effetti, il senso di legittimità della famiglia Robson a spese di Jackson può essere visto fino alla morte di Jackson ed oltre, dalle e-mail di Wade in lacrime che supplica i Jackson - anche nel bel mezzo del loro dolore – di ospitare Wade e la sua famiglia al Memorial, dalla sua rivelazione in una deposizione in cui dice di essersi sentito "ferito" perché non è stato invitato al private memorial service, e al suo inflazionato senso del diritto che gli faceva sentire che solo lui era il miglior candidato per dirigere lo spettacolo del Cirque du Soleil dedicato a Jackson nel tardo 2012.

Taj Jackson:  “Un'immagine vale più di mille parole.”

Meno di 24 ore dopo che Jackson è stato dichiarato morto, Robson si è lanciato come il produttore dello show “So You Think You Can Dance” un tributo in cui lui solo era il più qualificato a fare.

Più recentemente, un altro dettaglio del film è stato messo in discussione. Uno degli ultimi segmenti del film mostra Robson che brucia tutti gli oggetti che gli sono stati regalati da Jackson, inclusi molti oggetti di costume molto pregiati e preziosi indossati dall'icona nei suoi video musicali. Includono articoli come l'iconica giacca Thriller di Jackson, un guanto di lustrini, il suo fedora indossato in Smooth Criminal e altri oggetti. Ma, ancora una volta, i fan di Michael Jackson hanno ricordi a lungo termine, e alcuni sono pronti a sottolineare che Robson aveva venduto molti di questi oggetti identici all'asta diversi anni fa. Con sicurezza, le Aste di Julien hanno confermato in un tweet che avevano comprato questi oggetti direttamente da Robson e lo avevano pagato. "Aveva bisogno di soldi", conferma il tweet. In un tweet follow-up ancora più schiacciante, Julien's Auctions ha confermato che Robson aveva tentato di vendere gli oggetti con l'anonimato, ma che "loro non lo permettono".

Tweet di Juliens Auctions‏ @JuliensAuctions del Feb 23

Wade ha consegnato la sua collezione direttamente a noi. Era la persona che abbiamo pagato quando abbiamo venduto la sua collezione. Aveva bisogno di soldi.

Tweet di Juliens Auctions‏ @JuliensAuctions del Feb 24

Replying to @MJ_fans_unite @TheWigSnatcher1 and 5 others

Wade ha chiesto di rimanere anonimo e ha detto che non voleva che nessuno sapesse che era lui a vendere gli articoli nel 2011. Ma non eravamo d'accordo e l’abbiamo elencato come “la collezione di Wade Robson”. Ha consegnato più oggetti e voleva che noi vendessimo tutti i suoi articoli che avevano valore.

Tweet di Juliens Auctions‏ @JuliensAuctions del Feb 25

Replying to @MJ_fans_unite @SeanyOkane and 4 others

Non possiamo fornire una lista, ma ci è stato detto che erano tutti gli oggetti che Michael Jackson aveva regalato  a Wade.

 

Alcuni hanno sostenuto che questa rivelazione sembra essere la prova diretta che l'intera scena è stata tutta una recita, ovvero quella in cui Robson apparentemente brucia i "falsi oggetti" che invece deve aver acquistato con il preciso scopo di filmare questa scena. Per lo meno, mette ulteriormente in discussione se Robson sia una vera vittima - o un opportunista. Soprattutto considerando che il suo affare con la Julien's Auctions gli avrebbe fruttato diverse migliaia di dollari in un momento in cui stava ancora fingendo con il mondo che era un amico leale e in lutto.

Forse ancora più rivelatrice è stata una serie di tweet di Brandi Jackson, figlia di Jackie Jackson, che ha rivelato di aver avuto una relazione di 7 anni con Robson. Questa è stata una rivelazione importante su diversi fronti, dal momento che entrambi:  A) hanno rivelato che la linea temporale che aveva dato per il suo abuso non quadrava , e B: ha dimostrato come falsa la sua affermazione che Jackson gli aveva insegnato a odiare le donne (in realtà, è venuto fuori che era stato Jackson a far mettere insieme Robson e Brandi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La preoccupazione più grande è che i media sono ben consapevoli che le storie di questi uomini non combaciano. Tuttavia, sembra che, invece di sollevare le domande difficili e le critiche che tutti ci dovremmo porre, la maggior parte si accontenta di cavalcare il culto della "vittima", consentendo ciecamente ad ogni truffatore di muovere un'accusa (ironicamente, questo include molti degli stessi giornalisti che hanno deriso Wade Robson all'inizio come qualcuno la cui storia sembrava essere calcolata freddamente e appariva stranamente opportunistica). Invece di porre queste domande necessarie, i media hanno usato spudoratamente questo pezzo di propaganda come scusa per condurre un processo sui social media contro Jackson.

Ciò che Gerrick D. Kennedy ha dovuto dire nel 2013:

 

 

Gerrick D. Kennedy  che cambia "Improvvisamente" tono nel 2019 dopo aver lasciato la Sundance Premiere di Leaving Neverland: [mette il link ad un articolo intitolato : Guardando "Leaving Neverland" dopo una vita di amore per Michael Jackson. NDT]

A prima vista, il racconto di Kennedy, come tanti altri simili dalla gamma di "peer influencers" a cui è stato concesso un accesso speciale al film, può sembrare la reazione sincera e distrutta di un vero fan che è rimasto scioccato dal film. Ma leggendo più recensioni come questa, si inizia a notare una tendenza piuttosto lampante e inquietante: perché le storie di questi uomini vengono accettate al valore nominale - anche da un presunto "fan da una vita”- senza il minimo accenno di dubbio sulla loro effettiva veridicità? Parole simili come "avvincente", "inquietante" e "sotto shock" permeano virtualmente ogni recensione dall’uscita al Sundance, al punto che comincia a suonare (sospettosamente) come se ogni recensione fosse stata scritta dalla stessa mano. Sono stati tutti contemporaneamente truffati da Wade Robson, che una volta si è persino soprannominato "Il maestro dell'inganno?"

Da quando la notizia di questo film è iniziata a circolare per la prima volta, sono emerse molte domande preoccupanti, sia sulle sue origini che sul suo programma finale. Secondo le sue interviste, Dan Reed ha avuto l'idea di fare un documentario del genere nel 2016. Il tempismo è interessante perché nel 2016 erano già trascorsi tre anni da quando Wade Robson aveva iniziato a fare queste affermazioni e provato a portare in tribunale la sua causa civile senza successo contro l’Estate. In realtà, il caso era già stato archiviato. Ma nel 2016, Robson e Safechuck avevano cambiato avvocati e tattiche, stavolta decidendo di intraprendere una battaglia legale contro le compagnie di Michael Jackson. Fu in quel momento che la loro squadra legale, Manly, Stewart e Finaldi ha iniziato deliberatamente a diffondere nei media delle "storie trapelate" nel tentativo di sensazionalizzare il caso e di permettersi così di giocarselo alla corte dell'opinione pubblica. La maggior parte di queste storie erano poco più che storie rigurgitate dai tabloid, vecchie di dieci e persino vent'anni, ma contavano sul ricordo a breve termine del pubblico che si era dimenticato di esse e si aspettava che fossero "nuove informazioni". La tattica era chiaramente uno stratagemma aggressivo per forzare la mano dell’Estate a raggiungere un accordo in contanti. Di gran lunga il più nefasto dei loro schemi è stato l'impianto deliberato di una bufala su internet - scarsamente architettata per come è stata eseguita - in cui hanno venduto una storia ad una pubblicazione di riviste americana: Radar Online, affermando che "nuovi report" mostravano che della pornografia infantile era stata trovata a Neverland e che la scoperta era stata deliberatamente omessa dai procedimenti giudiziari. La loro "prova" consisteva in un bizzarro miscuglio di documenti giudiziari presi fuori dal contesto, vecchie storie scandalistiche e illustrazioni grafiche. Alcuni provenivano da veri e propri libri d'arte che Jackson possedeva; altri erano completamente falsi (alcuni provenivano da libri non ancora pubblicati fino al 2010, ben dopo la morte di Jackson, alcune delle immagini provenivano da una famosa mostra d'arte di Parigi dei primi anni del 2010, in un altro caso sono stati chiamati fuori quando l'artista canadese Jonathan Hobin ha rivelato che la sua fotografia "American Idol", in cui appariva una sosia di JonBenet Ramsey con un cappio intorno al collo, e che è stata usata in modo predominante nell'articolo originale di Radar Online, era uscita nel suo libro “In the Playroom” che non è stato pubblicato prima del 2010. In tutto, molte delle immagini sembravano provenire direttamente dalle ricerche di Google). La loro sciatteria è stata alla fine la loro rovina, poiché è stato rivelato che alcune delle immagini contraffatte contenevano note del team legale di Robson e Safechuck. Era ovvio quindi che nessun altro avrebbe potuto essere responsabile della "fuoriuscita" delle "prove" forgiate su Radar Online.

Ma mentre la falsa storia della pornografia infantile è stata rapidamente smentita dai media, il danno era già stato fatto. La menzogna - per dirla con l’ironia di Richard Plepler di HBO - "aveva già girato mezzo mondo ancora prima che la verità potesse mettersi i pantaloni addosso".

Ora, dobbiamo credere, che un cineasta britannico di nome Dan Reed, che per sua stessa ammissione non è mai stato un fan di Michael Jackson e che non ha mai avuto precedenti interessi per la sua musica, l'arte o la vita personale, improvvisamente diventa fortemente interessato a "investigare" le accuse fatte contro Michael Jackson. Ma invece che partire da zero, indagando sulla lunga serie di sordidi intrighi che risalgono al primo incontro NAMBLA di Victor Gutierrez, decide di andare direttamente sui temi dell'attuale causa civile contro le compagnie di Jackson e lo stesso, corrotto team di difesa legale responsabile di aver piantato la finta bufala sulla pornografia infantile! È una coincidenza che l'interesse di Dan Reed in questa storia sia coinciso con la messa a punto della fasulla storia del porno e la sua immediata caduta?

A questo punto, dovremmo davvero chiederci: perché solo Robson e Safechuck, specialmente se il presunto scopo del film è un'esposizione delle accuse a Michael Jackson? Questa è la stessa domanda inquietante che molti critici e gli spettatori più perspicaci hanno sollevato dalla prima del film. Perché Reed ha deliberatamente evitato di intervistare qualsiasi fonte che avrebbe controbilanciato la sua narrativa scelta? Capisco che i documentari, per loro stessa natura, sono spesso di parte . Molti dei migliori documentari sono stati quelli che hanno osato prendere posizione su argomenti controversi. Ma non possiamo semplicemente mettere da parte il fatto che, accusare qualcuno di molestie su minori è un'accusa molto seria. Un'accusa così grave contro una figura pubblica - in particolare una figura pubblica amata e defunta - non può e non deve essere suscitata consciamente senza almeno controllare le fonti dell'informazione e dare l'opportunità di confutare. Nel decennio successivo alla morte di Jackson, molti di questi documentari sono venuti alla ribalta, alcuni molto discutibili nell'integrità rispetto ad altri, ma tutti loro, nel bene o nel male, hanno cercato almeno qualche parvenza di equilibrio ed equità nel discutere le accuse, presentando narrazioni che consentono agli spettatori di raggiungere almeno le proprie conclusioni. Il film di Reed non fa né l'uno né l'altro. Sin dall'inizio, si tratta di una narrativa volutamente manipolativa che lascia spazio solo all’unica conclusione che ogni ragionevole spettatore può trarre. Questo modus operandi è stato chiaro dalla sua promozione e dal suo contenuto, con titoli che proclamano coraggiosamente il film come la storia di "due uomini che sono stati abusati sessualmente da Michael Jackson" come se fosse una verità inequivocabile da accettare al valore nominale, piuttosto di semplici accuse - accuse che, peraltro, sono già state esaminate in tribunale e respinte.

Appare evidente che il film di Dan Reed non ha niente a che fare con la verità o il merito artistico piuttosto serve come un altro pezzo di propaganda processuale per la stessa squadra di difesa corrotta e per gli imputati che hanno fatto trapelare consapevolmente false prove nei media.

Ecco come HBO promuove il documentario nella sua griglia dei programmi. Notare la deliberata mancanza della parola "presunto" ovunque. Che cos'è questa propaganda se non un’ accurata invenzione?

A prescindere dai motivi discutibili di Reed che lo hanno portato ad allinearsi con una losca società legale e con i suoi due spergiuri, ci sono ancora più inquietanti domande sul perché HBO - una rete nota per la sua programmazione di qualità - abbia scelto di buttare la spugna e mettere la sua reputazione in discussione per un film che sembra essere poco più che un reality show/soap opera basato su accuse infondate. Non solo HBO è emersa come co-produttore del progetto, ma è anche ovvio che la società abbia investito enormi quantità di denaro nella sua promozione. Il film è stato dato all’ ultimo momento, è stato inserito "per un soffio" al Sundance in gennaio, nonostante il fatto che la scadenza per le partecipazioni cinematografiche al festival sia prevista per la fine di novembre. Qualcuno ovviamente ha usato delle influenze per far entrare il film. Sebbene possa essere nient'altro che una coincidenza finemente sintonizzata, certamente non è sfuggito all'attenzione dei fan di Jackson e di altri individui intuitivi che anche il documentario su Harvey Weinstein, Untouchable , è stato programmato per la premiere lo stesso fine settimana al Sundance.

Questa potrebbe sembrare la paranoia tipica che presuppone che ai media piaccia accusare regolarmente i fan di Jackson, ma non traiamo conclusioni affrettate. Un esplosivo articolo del New York Times del 2017 https://www.nytimes.com/interactive/2017/12/05/us/harvey-weinstein-complicity.html sui numerosi payoff [pagamento in somme di denaro/ tangenti. NDT] di Weinstein ha rivelato che Michael Jackson era, in effetti, una delle celebrità per le quali Weinstein pagava abitualmente dei gossip manager per creare storie, al fine di deviare l’attenzione dai suoi stessi scandali. Se Weinstein non avesse avuto problemi a usare il nome di Michael Jackson vent'anni fa per deviare i titoli di testa da se stesso, chi può dire che ora è al di sopra di tutto questo? Molti hanno notato il tempismo ironico di Leaving Neverland accanto a Untouchable, così come il fatto che Leaving Neverland sia programmato per essere trasmesso la stessa settimana in cui inizia il processo di Weinstein. Coincidenza? A differenza di Dan Reed, io lascerò che a decidere sia tu, lettore.

 

Harvey Weinstein si intrattiene con Richard Plepler, CEO di HBO

 

Questo ora solleva un'ulteriore problematica etica sul film e la sua agenda. Una volta HBO ha approfittato molto di Michael Jackson, dato che Jackson ha concesso alla HBO i diritti esclusivi per l'esibizione in concerto intitolata “Live in Bucharest: The Dangerous Tour”.

Questa è stata la trasmissione che è rimasta nei posti più alti in classifica tra gli speciali più visti di HBO per molti anni (ed è diventata il perno del linciaggio per la rivendicazione legale dell’Estate contro HBO, dal momento che a quei tempi la rete aveva firmato un accordo contrattuale con Jackson promettendo che, in cambio di ricevere i diritti esclusivi per trasmettere la performance, avrebbe acconsentito a non intraprendere alcuna attività che "denigrasse" Jackson o avesse motivo di "abbassare la stima della reputazione o dell'immagine pubblica di Michael Jackson".

Le ragioni per la possibile strategia di voltagabbana della HBO sono ben delineate nella richiesta di arbitrato completa dell’Estate. Ovviamente, i profitti e le valutazioni sono in primo piano, ma sembra che anche HBO salti volontariamente sul carro da un lato particolarmente oscuro dell'attuale zeitgeist di #MeToo, che è l'apparente zelo del movimento per "abbattere" le celebrità nere mentre sembra ignorare i peccati - presunti o meno - di celebrità bianche.

Se ci fermiamo ad esaminare i dati demografici di tutti coloro che sono coinvolti in questa attuale "estorsione" a Michael Jackson, il modello emerge abbastanza chiaramente. Comincia con due accusatori bianchi, che rivendicano le loro pretese nei confronti di una squadra legale tutta bianca, già nota per le loro losche tattiche. Presumibilmente, nei tre anni del loro caso, la loro storia arriva oltreoceano a Daniel Pearl e Dan Reed di Channel 4 UK (due inglesi che hanno ammesso di non aver mai avuto un particolare interesse per Jackson o alcuna conoscenza che lo riguardasse e che, per qualche strana ragione sconosciuta, si sono appena seduti attorno ad un tavolo per discutere di alcune idee di brainstorming su casi di crimine americano "irrisolti"). L'appassionato interesse di Pearl per una storia che era già stata ampiamente chiarita dai media più di un decennio fa sembra stranamente peculiare, così come la viscida allegria con cui si è rivolto ai social media per prevedere l'eventuale ricaduta dell'eredità di Jackson che immaginava sarebbe risultata dal film.

 

Daniel Pearl‏ @DanielPearlC5

FollowFollow @DanielPearlC5

 

“In pochi giorni prevedo che le canzoni di Michael Jackson verranno rimosse dalle playlist radiofoniche. Le esibizioni di MJ saranno tolte dalla circolazione così come le altre celebrazioni della sua vita. #LeavingNeverland “

Il problema è che il caso di Jackson non era "irrisolto" e non è un grande mistero persistente. È stato pienamente rivendicato in un tribunale su 14 capi d'imputazione, oltre a essere esonerato da due esaurienti indagini dell'FBI. Ci si deve seriamente domandare perché - con tutti i casi di crimini strazianti che rimangono irrisolti e dove le vittime stanno ancora chiedendo giustizia - questi uomini decidano diversamente preferendo riesumare il cadavere di Michael Jackson e le già rinvangate accuse che sono state da tempo smentite.

Ora diamo un'occhiata a chi è coinvolto nella produzione e nel finanziamento del film. HBO, il cui consiglio di amministrazione è composto esclusivamente da un membro di minoranza, decide che attuare il linciaggio dello stesso performer nero di cui avevano approfittato vent'anni prima, quando Jackson era al massimo della sua carriera, è una grande idea per nuovi profitti ed entrate. Dando una rapida occhiata ai componenti societari di HBO, diventa facile capire perché gli interessi e il benessere di una minoranza di celebrità decedute potrebbero essere un vantaggio per il profitto aziendale: su una trentina di dirigenti, solo uno - Sofia Chang, un'asiatica - potrebbe essere considerata un rappresentante di minoranza.

HBO avrebbe così messo a rischio volentieri la propria reputazione per finanziare e produrre un tale progetto su qualsiasi altra celebrità - deceduta o meno - portando così gravi accuse contro suddetta celebrità, senza prima esaminare accuratamente la fonte (i) di tali accuse? La risposta onesta a questa domanda è no. E mentre si potrebbe facilmente perdonare HBO per la loro ignoranza iniziale, non si può scusare la loro ostinata insistenza nel continuare a sostenere e supportare questo progetto alla luce del fatto di essere stati pienamente informati, attraverso due lettere molto esplicitamente dettagliate dell’ Estate di Jackson, con la storia completa e tutti i record che mostrano le motivazioni per cui i casi giudiziari di questi due uomini sono stati archiviati. Di fronte ad ogni pezzetto di prova di come Wade Robson e James Safechuck hanno mentito, spergiurato in numerose occasioni, fornendo prove false ed essendo stati colti in incongruenze troppo numerose da non potersi nemmeno contare, l'unica risposta di HBO in sua difesa è stata: "Ma è potente".

Dal momento in cui il film è “stato proiettato “ in anteprima al Sundance, è diventato ancora più evidente che molte potenti forze devono essere state messe al lavoro per garantire che Leaving Neverland - un film sorprendentemente mediocre nonostante tutto il clamore - fosse visto da più recensori "peer influencer" possibile. Eppure recensioni come "avvincente" e "potente" misteriosamente non si accordano con recensioni meno distorte che hanno sollevato domande molto legittime e concernenti, sia sulla qualità del film sia sull'accuratezza e sulla responsabilità del suo contenuto. È interessante notare che tutte le ultime recensioni sembravano provenire da critici indipendenti, il che suggerisce che non facessero parte dell'élite selezionata delle "zecche blu" approvate da HBO, Channel 4 e ITV.

Quasi subito dopo la premiere al Sundance, molti recensori si sono precipitati sui loro account social per proclamare Jackson un "mostro" e un "pedofilo" pur sapendo benissimo che stavano basando accuse così luride e gravi su niente di più che le storie dei due uomini intervistati in questo film. È stato sottolineato che questo sembra riflettere misteriosamente lo stesso modo in cui i giornalisti, che partecipavano al suo processo del 2005, uscivano immediatamente dall'aula per riferire di tutti i commenti salaci dei testimoni dell'accusa, ignorando deliberatamente di riferire quando le affermazioni di questi stessi testimoni venivano sbriciolate sotto esame da parte della difesa.

È Diventato Chiaro Che Non Erano Solo I Sostenitori Del Sundance Che Stavano Ricevendo Le Proiezioni In Anticipo: Questo È Stato Un Attento Piano Strategico Per Inseguire Il Più Grande "Peer Influencer*". Eppure A Nessuno Della Famiglia Jackson È Stato Permesso Di Vederlo.

*qui, chi scrive l’articolo, si riferisce ad Oprah Winfrey e mette un link ad un articolo titolato: “Oprah festeggia il suo compleanno a St Barts a bordo del megayacht da $ 300M di David Geffen guardando il documentario di Michael Jackson con la sua migliore amica Gayle.”

 

L'assoluta ipocrisia e la mentalità da caccia alle streghe con cui i media mainstream hanno accolto questo film è, in definitiva, l'aspetto più inquietante di tutti. "Hit pieces" su personaggi pubblici vanno e vengono, e questo è stato sicuramente il caso di Michael Jackson. Ma questa volta, Leaving Neverland è una parodia che non avrebbe mai dovuto essere fatta. Dan Reed sostiene che il suo film non riguarda Michael Jackson, ma per sua stessa ammissione il film non sarebbe stato realizzato se non fosse stato per Michael Jackson. Dan Reed lo doveva al soggetto del suo film, andare oltre la superficie di queste accuse e controllare le sue fonti. Lo doveva all'eredità pubblica di Michael Jackson, ai suoi figli orfani e alla madre anziana, indagare a fondo sulle storie di Wade Robson e James Safechuck prima di impegnarli in questo film, inoltre, doveva esaminare e analizzare tutte le prove a discarico (di fatto, prove a carico, il film non ne offre sorprendentemente nessuna). Ma solo perché il film è stato realizzato non significa che dobbiamo essere obbligati ad abbracciarlo o abilitarlo. Il fatto che così tanti eminenti giornalisti e capi di redazione dei media abbiano mostrato la volontà di accettare questo film ciecamente al valore nominale, senza sollevare le domande tanto necessarie che devono essere poste sulla sua veridicità, è una farsa più imperdonabile del film stesso. Ma questo è esattamente ciò su cui stanno contando Dan Reed, HBO e Channel 4, ovvero che l'attuale spirito del movimento #MeToo e la sua mentalità "non mettere in dubbio le vittime" creerà la visione del tunnel necessaria per gli spettatori volontariamente ciechi. A sua volta, la pubblicità generata dal film ha permesso a una seconda generazione di “industria casalinga” che produce pubblicità negativa su Michael Jackson di prosperare, con piattaforme rese disponibili a tutti: dal medico che lo ha ucciso ai testimoni screditati come il già citato Adrian MacManus, al "nuovo accusatore" Michael Jacobshagen che, a quanto pare, è solo un altro truffatore che una volta ha corteggiato la comunità dei fan di Michael Jackson con il solo scopo di vendere merchandising  di Michael Jackson contraffatto (a quanto pare i tabloid si sono dimostrati molto più redditizi rispetto alla vendita di falsi autografi di Michael Jackson). Eppure ora, questi stessi criminali condannati, testimoni inaffidabili, ladri e truffatori vengono ospitati su nuove piattaforme e pagati profumatamente per raccontare le stesse storie già screditate che alcuni di loro avevano provato a vendere decine di anni fa. Dan Reed e Richard Plepler, così come i dirigenti di Channel 4, non sono certamente ingenui. Sapevano che questo era il tipo di campagna diffamatoria che sarebbe derivata dal loro film. È stata una strategia attentamente orchestrata fin dall'inizio, con il chiaro obiettivo finale di diminuire il potere lucroso del marchio di Michael Jackson. La logica e il modus operandi, ovviamente, rimangono gli stessi di Robeson e Safechuck fin dall'inizio: forzare un’estorsione all’Estate di Michael Jackson.

La natura stessa dell'ipocrisia di Dan Reed può essere sperimentata direttamente. In una recente intervista a Independent, Reed afferma di essere "disgustato" dalla lettera dell’Estate di Michael Jackson alla HBO che chiaramente ha buttato giù i molti, svariati motivi per cui i contenziosi di Robson e Safechuck non hanno ottenuto niente in tribunale, sostenendo che: "Cosa avrebbe dovuto dire l’Estate di Jackson di quello che è successo in una camera d'albergo a Parigi, nel 1988, tra James e Jackson? Niente. Non erano lì”.               Eppure, con la stessa logica, Dan Reed procede nella stessa intervista dichiarando inequivocabilmente che Jackson: “ha ferito molte persone. Era crudele. Era cattivo". Ma Dan Reed, come l’Estate di Michael Jackson, non c'era! Nemmeno Dan Reed era in quelle stanze d'albergo a Parigi. Dan Reed non conosceva Michael Jackson. Non lo ha mai incontrato e non ha mai incontrato Robson o Safechuck fino al 2017. Eppure ha proceduto a tessere un solo lato della storia basato sulla realtà che desidera vendere.

 

Una vecchia intervista che promuove il film “Terror in Mumbai” di Reed potrebbe risolvere il mistero di chi c'è dietro Leaving Neverland e perché: "Sono stato assunto da Channel 4, ITV, HBO ..." dice.

https://www.youtube.com/watch?v=jig-EFBX0r4

 

È comprensibile essere mossi dal potere del cinema e della narrazione. Ma i giornalisti hanno anche la responsabilità di guardare oltre l'obiettivo della telecamera. Una cosa è essere "mossi" da un avvincente documentario, ma un'altra è segnalarlo semplicemente come se tutto ciò che contiene sia la verità del Vangelo. Se la recente storia di Jussie Smollett ci ha insegnato qualcosa, tutto questo dovrebbe servire come un importante risveglio su quanto sia facile falsificare una storia di "vittimizzazione" e dirottare le simpatie di #MeToo che dovrebbero essere riservate alle vittime effettive. L'esempio di Leaving Neverland, non è il caso in cui gli spettatori possono trarre le loro conclusioni dopo aver visto una ragionevole preponderanza di tutte le prove portate sul banco. Invece, sono solo reazioni emotive e istintive per aver appena passato ore e ore a sentire nient'altro che una storia unilaterale, raccontata da due testimoni con enormi problemi di credibilità, a cui è stata data una piattaforma per motivazioni che rimangono altamente ed eticamente discutibili.

Ma la verità e il karma hanno un modo buffo per pareggiare i conti con i loro peggiori criminali prima o poi. Dopo l'assoluzione di Jackson del 2005, quando i media avevano sbavato incessantemente sulla prospettiva di un verdetto di colpevolezza e la fiorente industria di storie che speravano di poter generare negli anni a venire, la cacofonia mediatica che si era rallegrata del suo linciaggio è stata sostituita da grilli virtuali. Nessuno, a quanto pare, voleva prendere il guanto di sfida ed esaminare quale sarebbe stata in realtà la storia del secolo: cioè, analizzare esattamente perché la sete di sangue per Michael Jackson era stata così inesorabilmente implacabile. È stato riferito che un solo - e unico - giornalista all'indomani dei 14 verdetti di "non colpevolezza" – è stato abbastanza coraggioso da sollevare una timida voce e porre la domanda ai suoi colleghi: "Mio Dio, che cosa gli abbiamo fatto? ”

A giudicare da quello che ho visto, quando arriveranno, le ripercussioni di Leaving Neverland saranno enormi, e questo porterà molti di noi a fare la stessa domanda.

Linda Woods

FONTE: https://medium.com/@lrixwoods/the-new-lynching-of-michael-jackson-dan-reeds-leaving-neverland-may-in-fact-leave-blood-on-2a9e2193f818?fbclid=IwAR1eXgAoIpzw5Zj6BwZKFaLOhEZrrp0Sb3llaU6c39ltB-B6slJ7mITAnZs

 

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page