Riassunto dell'intervista di Mesereau con King Jordan Radio il 23 giugno 2014

Intervista di Mesereau sottotitolata in italiano: https://www.youtube.com/watch?v=8yBD9tqzNbc&feature=autoshare

Riassunto dell'intervento di Mesereau tradotto da LAURA MESSINA:

Tom Mesereau, l'avvocato a capo della difesa di Michael Jackson nel processo penale del 2005, è intervenuto in radio in occasione del 5° anniversario della sua morte, rispondendo ad alcune domande degli ascoltatori. Di seguito, la sintesi delle sue risposte:

Prima di dire altro, voglio ricordare che Kerry (Kerry Anderson, a capo della sicurezza di Michael nel periodo del processo, ndt) era in tribunale tutti i giorni durante il processo penale del 2005, ebbi la possibilità di osservarlo sia prima che dopo l'inizio del procedimento in aula e non ho mai visto un individuo più professionale, leale e devoto nel suo lavoro e supporto a Michael Jackson e voglio che tutti i fan all'ascolto sappiano che uomo meraviglioso sia.
Michael Jackson nella sua vita ha avuto un sacco di persone che lo hanno scaricato, tradito, manipolato, usato, tradendo le sue confidenze, e questo, in molti modi, lo ha reso molto solo perché non sapeva di chi potersi fidare, l'unica persona di cui ha potuto sempre fidarsi è Kerry Anderson e Kerry è qualcuno di cui mi fido anch'io, l'ho visto durante tutti e 6 mesi in cui ho vissuto a Santa Maria e lui è davvero un grande professionista.
Come potete immaginare, sono indignato per quest'altro tentativo (Safechuck, ndt) di ricavare solo un po' di soldi da parte di qualcuno che ha affermato per anni che Michael non lo ha mai toccato in modo improprio, non ha mai fatto nulla di illegale o criminale, non ha mai abusato sessualmente di lui, che io ricordi sono state queste le sue affermazioni per anni, che, all'improvviso, dopo la morte di Michael, si associa a una causa legale cambiando completamente versione, come ha fatto Wade Robson. Questo suscita in me sentimenti molto negativi. Penso che questo sia un oltraggio e spero che questa causa venga sconfitta (dopo un processo, ndt), ma, come ho già dichiarato in precedenza, ho i miei dubbi su cosa faranno gli avvocati perché, a rivedere la storia com'è andata, nel 1993 Howard Weitzman era l'avvocato di Michael Jackson, ha firmato un accordo extragiudiziario, è apparso nella conferenza stampa con Larry Feldman per annunciare che avevano chiuso un accordo, John Branca non era il civilista della causa, ma era il suo legale per gli affari e suo consigliere, e un paio d'anni più tardi c'erano sempre queste stesse persone, a quanto io ricordi, quando fu concluso un accordo con Jason Francia, e lo studio legale che ha chiuso questi accordi era lo studio di cui Weitzman è partner, il Katten Muchin. Perciò, la storia che hanno questi avvocati quando si tratta di accuse di molestie contro Michael Jackson è debole, non sono mai stati propensi ad andare a processo e vincere quei casi di molestie. Ora, bisogna riportare tutto questo al presente. L'avvocato che rappresenta Robson e Safechuck è davvero molto bravo, l'avvocato Gradstein è uno dei migliori di Los Angeles, è molto astuto, molto aggressivo e di gran successo. Io penso che Gradstein conosca la storia di Weitzman, Branca e dello studio legale Katten Muchin e penso che stia sbavando perché se questo caso non viene respinto dal giudice io penso Gradstein creda che queste persone pagheranno i soldi come hanno sempre fatto in passato. E potrei aggiungere un'altra cosa: lo studio legale Katten Muchin era parte del mio team di difesa quando stavamo andando verso il processo nel 2005 e loro hanno lasciato il team non molto tempo prima che il processo cominciasse, dovete chiedervi quali fossero le loro motivazioni, quello che penso io è che loro ritenevano che non avremmo vinto, ma dovete interrogarvi voi sulle loro motivazioni, nello specifico io non le conosco, tutto quello che vi sto dicendo è che Henry Gradstein è un avvocato astuto, questa è una causa costruita molto abilmente per citare in giudizio Michael Jackson anni dopo la sua morte e credo che lui stia andando in tribunale a incontrare Weitzman, Branca e gli avvocati che rappresentano l'Estate e penso stia sbavando perché non pensa che gli avvocati dell'Estate abbiano il coraggio di affrontare un processo come questo e offriranno un accordo come hanno fatto in passato, e questo a me infastidisce davvero, ma queste accuse sono un assoluto oltraggio, sono una presa in giro del sistema giudiziario, una presa in giro della verità, e davvero mi disturbano...

Non ho seguito il caso molto da vicino, ma il Gradstein che io conosco è un abile avvocato di tribunale, sa quello che fa e credo che lui debba essere contrastato da legali forti che siano disposti ad affrontare il caso per batterlo, e non so se gli avvocati che rappresentano l'Estate siano di quel calibro, non penso che ne abbiano la reputazione visti quegli accordi che hanno firmato... Ho paura che se il giudice non congederà il caso, loro possano cercare un accordo di riservatezza, perché non penso che loro vogliano andare a processo... Spero di sbagliarmi, spero che il giudice respinga il caso perché è stato presentato troppo tardi, ma potrebbe non accadere questo e lo dico di nuovo, non sto seguendo il caso da vicino e forse questi avvocati troveranno un po' di coraggio per andare a processo, ma io penso che se il giudice non respingerà il caso, Weitzman e Branca come hanno fatto in passato pagheranno per un accordo di riservatezza, ricordate che NON SONO SOLDI LORO, SONO SOLDI DELL'ESTATE, ed io penso possano avere troppa paura di perdere, troppa paura della pubblicità negativa che può venire fuori dal processo, e credo che faranno quello che hanno fatto nel '93 e mi è stato riferito che loro abbiano cercato di dare la colpa a John Cochrain, ma è stato Weitzman a firmare l'accordo e c'era lui alla conferenza stampa, e Branca, anche se non era il civilista della causa, Branca era colui che stava facendo da consigliere a Michael, so che nel libro di Sullivan lui riferisce che Branca pensava Michael incapace di sostenere fisicamente ed emotivamente un processo. Io non c'ero all'epoca, per questo non so esattamente cosa accadde, ma non lo so, ho paura che loro vogliano semplicemente pagare i soldi come hanno fatto in precedenza e potrebbe essere un disastro... Sì, ci sono persone, adulti che hanno subito abusi quando erano bambini, come nel caso che ha coinvolto i preti, che non vogliono affrontarlo e vivono in negazione e la legge sta diventando più flessibile per loro, in molti Stati la legge sta cambiando per allungare i termini entro i quali è possibile fare causa, e presumo che i legali di Robson e Safechuck stiano lavorando su questo... Geraldine Hughes è una sostenitrice di Michael molto intelligente, molto leale, quando io mi stavo preparando nel 2004/2005 per difendere Michael nel processo penale, lessi il suo libro e lei aveva delle informazioni che a me furono molto utili. Stavo raccogliendo tutti i libri che era possibile trovare sulla vita di Michael, su quelle false accuse, e il suo libro mi aiutò molto, lei è stata molto leale a Michael Jackson... La testimonianza di Robson del processo del 2005 certamente è da tenere in conto in questa causa. Io chiamai Robson come primo testimone per il caso della difesa. Come ho già detto altre volte, la difesa non è obbligata a portare dei testimoni, così come l'imputato non è obbligato a testimoniare, ma io decisi che avremmo dovuto portare il caso della difesa perché non volevo ci fosse la possibilità di una giuria in sospeso e che Michael andasse di nuovo a processo, perciò scelsi di portare testimoni sul banco e quando si fa questo, sicuramente si vuole cominciare e finire con dei testimoni forti, ed io cominciai con uno dei nostri testimoni più forti, Wade Robson, che fu irremovibile sul fatto che Michael non l'avesse mai toccato in modo inappropriato, era un gran sostenitore di Michael, ed io chiamai Wade, sua madre e sua sorella, tutti molto positivi nei confronti di Michael, perciò quando è venuto fuori con questo cambio di atteggiamento, sono rimasto semplicemente scioccato, non riuscivo a crederci. Quella testimonianza sarà molto importante per questo nuovo caso, così come tutte le dichiarazioni che ha fatto in tv rilasciando interviste nelle quali ha negato ogni abuso, tutto questo potrà essere usato per screditarlo e contraddirlo, queste accuse sono assolutamente ridicole...

 

Bisogna capire che io ho incontrato Michael nel suo periodo peggiore, l'ho incontrato nel periodo in cui accuse contro di lui avrebbero potuto portarlo a morire in una prigione, e le accuse erano davvero inquietanti, essere accusati di abuso su minore è peggio che essere accusati di omicidio, sono accuse orribili, orribili, e lui non era accusato solamente di questo, ma anche di aver dato alcol ad un ragazzino malato di tumore, di cospirazione per tenere imprigionata una famiglia, accuse veramente orribili. Perciò, ho incontrato Michael nel suo periodo più buio e lui era molto sospettoso di molte persone che avevano incrociato il suo percorso di vita. Lui fu molto esplicito sul fatto che pensava che la Sony fosse coinvolta, pensava che stessero correndo dietro al suo catalogo, pensava che i media volessero fare una fortuna sulla sua distruzione in prigione, era sospettoso di molte persone, non voglio fare nomi, ma i nomi erano davvero tanti. Non sapeva di chi fidarsi e parlava molto chiaramente della sua convinzione che qualcuno fosse coinvolto in quella storia, che ci fosse il suo catalogo di mezzo, e pensava di non potersi fidare di nessuno. Nel corso del processo, chiamava Susan Yu, la mia socia, il cui lavoro incredibile è stato fondamentale per l'assoluzione, nel bel mezzo della notte, e chiamava anche me nel bel mezzo della notte, e piangeva mentre ci diceva: "Ragazzi, state facendo un ottimo lavoro, vi prego, non lasciate che vi comprino" ed io gli rispondevo: "Michael, ma di cosa stai parlando?" e lui diceva: "So che verranno ad offrirvi milioni per abbattermi, vedono che state facendo un lavoro grandioso e proveranno a comprarvi" ed io gli dicevo: "Michael, nessuno mi darà un centesimo, non sono quel tipo di persona". Io sentivo che lui era così abituato ad essere tradito, così abituato che una persona che all'inizio sembrava sua amica poi gli voltasse le spalle per provare a fare soldi su di lui, sapete, la solitudine, purtroppo, era un enorme problema per Michael perché tutta la sua fama, il suo talento e i suoi soldi, erano una calamita per le persone dominate dall'avidità e dall'egoismo. E come ho già detto, 2 che considero suoi veri amici sono Chris Tucker e McCauley Culkin, non dimenticherò mai quello che hanno fatto, loro erano 2 giovani attori, all'apice della loro fama, celebrati ovunque andassero, e i loro entourage dicevano loro: "Non fatevi coinvolgere nel processo, non aiutate Michael Jackson, lui sta per affondare e le vostre carriere saranno macchiate per sempre" e loro, tutti e 2, separatamente l'uno dall'altro, mi dissero: "In qualsiasi momento Michael avrà bisogno di noi, noi ci saremo, non ci interessa cosa chiunque altro ci dica di fare", ed io ho visto i loro manager, i loro avvocati, i loro agenti, dire loro di non farsi coinvolgere, e loro se ne sono fregati di quello che queste persone dicevano, volevano aiutare Michael e volevano che la verità venisse fuori. Sai, solamente quando sei nei guai, ti rendi conto di chi sono i tuoi veri amici. E Michael era devastato che molte persone non c'erano per aiutarlo nel modo in cui lui si sarebbe aspettato. Elizabeth Taylor lo ha supportato, ma era ammalata. Stevie Wonder lo ha sostenuto molto, ma non ebbi bisogno di lui come testimone. Per il procedimento in corso, non dimenticherò mai McCaulay Culkin e Chris Tucker, ho visto Chris meno di un anno fa, gli ho dato un grande abbraccio e gli ho detto che non scorderò mai la sua lealtà a Michael, lo ha apprezzato, lui è stato il mio ultimo testimone, e, come ho detto prima, se la difesa vuole portare il suo caso, deve cominciare e finire in modo forte, ecco perché questo voltafaccia di Robson mi ha scioccato. - A questo punto chiama un certo Michael dal New England dicendo che lui è uno di quelli che crede agli accusatori Robson e Safechuck e King gli toglie la parola chiudendo la sua telefonata. Mesereau riprende: Sai, sarei stato lieto di discutere con lui, gli avrei fatto sapere cosa dicevano quelle persone in passato e come, all'improvviso, senza Michael in giro per potersi difendere, hanno depositato cause civili alla ricerca di soldi. Sarei stato lieto di discutere con lui. Questo è un paese libero, viviamo in una democrazia, ognuno ha il diritto di avere la sua opinione e di esprimerla, e se qualcuno vuole esprimere un'opinione contraria alla mia, io ci posso parlare - ma King risponde che lui conosce il tipo che ha chiamato e che piega avrebbe preso il suo intervento e forse in un'altra occasione lo avrebbe lasciato parlare, ma non per il 25 giugno.

 

Credo che i termini per poter pensare a un'accusa di spergiuro contro Robson da parte del dipartimento di Santa Barbara siano decorsi, così come quello per portare un caso civile come questo, ma comunque non penso che il dipartimento di Santa Barbara possa mai pensare di intervenire in un caso simile, penso che loro siano stati umiliati così tanto... Ricordate, Michael è stato assolto da 14, 14 capi di imputazione, all'origine erano 10, ma alla fine del processo il giudice istruì i giurati che loro avrebbero dovuto considerare ulteriori 4 capi minori, perciò loro avrebbero dovuto assolverlo anche di questi, quindi i giurati assolsero Michael 14 VOLTE, che fu una totale umiliazione per i procuratori e per la polizia della Contea. Perciò, non penso che loro vogliano toccare ancora questo caso, per nessuna ragione, ripensando a tutto il tempo e ai soldi che hanno speso, al fatto che sono stati umiliati davanti al mondo intero... e probabilmente è troppo tardi per chiunque pensare a uno spergiuro. E comunque, lui non ha mentito sul banco dei testimoni, lui ha detto la verità, che Michael non lo ha mai toccato. Non sta dicendo la verità adesso! Io credo che lui abbia assolutamente detto la verità allora, in un tribunale, davanti a un giudice e a una giuria, sotto giuramento ha detto che Michael non lo ha mai toccato in modo improprio. Quindi no, la mia posizione è che non c'è spergiuro, lui ha detto la verità, non la sta dicendo adesso, questa è la mia opinione - King fa sentire un'intervista di Chris Tucker in cui racconta di quanto si divertivano insieme e Mesereau commenta: Mentre l'ascoltavo, ho provato un po' di invidia, perché purtroppo io ho conosciuto Michael quando lui era terrorizzato per cosa sarebbe potuto accadere a lui e ai suoi figli, perciò non l'ho visto ridere molte volte, ho potuto vedere il suo modo di divertirsi come un bimbo in un paio di occasioni, e Susan Yu, io e Michael abbiamo sorriso insieme in un paio di occasioni, ma per lo più si trattava di una questione seria e la sua vita era nelle mie mani, loro avevano l'FBI, l'Interpol, 70 poliziotti, quindi io ho conosciuto il suo terrore e non ho avuto davvero l'opportunità di vivere un'esperienza di relax e divertimento con lui, che credo fossero magnifiche...
Non so se stesse registrando canzoni in quel periodo, io ero con lui tutto il tempo nell'aula del tribunale, a volte anche dopo a fine giornata, ero al telefono con lui la sera, ma lui trascorreva molto tempo a Neverland nel quale io non ero con lui, perché io dovevo prepararmi per il processo. La mia giornata tipica finiva alle 20:00, quando andavo a letto, e ricominciava alle 03:00 del mattino, perché erano ore nelle quali lavoravo prima di andare in aula, e a volte parlavo con Michael al telefono perché Michael era uno che a quell'ora era sveglio e mi chiamava alle 3:00/4:00. Può essere che abbia trascorso del tempo in studio come forma di rilassamento, ma davvero non lo so... Quando io comincio un caso, davvero non so cosa pensare, il mio approccio è quello di non credere a nessuno all'inizio, non credo al mio cliente, all'accusa, ai testimoni, non credo a nessuno. Cerco di essere obiettivo e di scoprire da solo cosa penso che sia accaduto e quale credo che la difesa dovrebbe essere. Riguardo a Michael, iniziai a parlare con lui delle accuse e cominciai a studiare lui come persona, cercando di capirle per il tipo di persona che lui era, e piuttosto presto dissi a me stesso: Non credo che questa persona sia capace di fare cose simili, lo chiamavano mostro e io non ci credevo, come ho detto prima, in molti ricordano che lui è stato accusato di abuso su minore, ma non ricordano quanto fossero orribili le accuse contro di lui, loro stavano dicendo che aveva molestato un ragazzo con il cancro, che gli aveva dato alcol quando questo peggiora la malattia, che aveva cercato di imprigionare una famiglia per un'estorsione criminale, voglio dire, le accuse contro di lui erano tremende, e non mi ci è voluto molto tempo dopo aver parlato con lui, per dirmi: questo non ha senso! Non credevo fosse capace di fare quel tipo di cose. E più mi addentravo nelle prove, nei documenti, più mi dicevo che c'era qualcosa che non andava in quella storia, eppure il mondo pensava che avremmo perso, quella era una Contea di persone molto conservatrici, e loro avevano provato a condizionare i giurati con i media, molte persone pensavano non avessimo possibilità, ma quando io guardai le prove pensai che noi avevamo buone possibilità, ma dovevamo superare l'opinione pubblica, dovevamo superare il fatto che i media stavano facendo tutto quello che potevano per vederlo condannato perché per loro sarebbe stata una storia grandiosa, ma le persone erano già disturbate dal solo fatto di quelle accuse, perciò noi dovevamo essere molto attenti su come procedere, quale giuria selezionare, che strategia adottare, ma come ho detto, quando ho avuto modo di parlare con lui, dopo quelle accuse orribili, semplicemente non lo credevo capace di fare cose del genere e ho pensato che dovesse esserci qualcosa che non andava. E lui era molto nervoso, molto nervoso. Lui era uno spirito molto sensibile, gentile, delicato, amorevole, ed era un creativo, non era degno di lui dover stare in un'aula di tribunale 5 giorni a settimana per 5 mesi a sentire la gente chiamarlo mostro, non era giusto questo, sono state sensazioni terribili...

Secondo la mia comprensione, Michael accettò di fare l'intervista con Bashir perché questi aveva scritto un libro sulla Principessa Diana e Michael aveva un profondo affetto per lei, gli piaceva veramente tanto, l'ammirava moltissimo, e il fatto che lei avesse permesso a Bashir di scrivere una sua biografia persuase Michael che di lui ci si poteva fidare. E sappiamo tutti che fu un disastro, un disastro completo. Ma Michael fu astuto abbastanza da avere le sue telecamere a registrare l'intervista e questo fece una gran differenza al processo perché il giudice concesse all'accusa di mostrare in aula la versione inglese del documentario, ma noi avevamo le parti non incluse registrate dalle telecamere di Michael e quando fu il nostro turno avemmo il permesso dal giudice di mostrare le scene tagliate e ce n'erano alcune in cui Michael diceva che si sarebbe tagliato i polsi prima di fare del male a un bambino e negò tutte quelle presunte accuse.Io non ho una grande considerazione del signor Bashir, il giorno in cui Michael morì io ero in tribunale con la mia partner Susan Yu e quando mi dissero che era morto speravo fosse una diceria, visto che non erano inconsuete per lui queste false voci, chiamai il mio ufficio e uno dei primi messaggi era da parte del signor Bashir che diceva che lui non aveva mai avuto intenzione di fare del male a nessuno, che aveva un grande rispetto per me, che era così terribile che Michael fosse morto, io ho disprezzo per il signor Bashir per quello che ha fatto a Michael, è stato quello che ha concretizzato il caso, è venuto fuori tutto da quel programma orribile, io credo che sia stato proprio quello a creare interesse per i procuratori di Santa Barbara e la polizia nel mettere insieme un caso penale, lui è stato il loro primo testimone, il primo testimone dell'accusa è stato Martin Bashir, e lui aveva un avvocato che lo aveva istruito di non rispondere alla maggior parte delle mie domande e usava quello che si chiama "privilegio giornalistico", e fu pessimo... Ci sono molte persone che hanno seguito il processo che pensano che l'accusa abbia manomesso le prove. Credo ci si riferisca a quando, nella camera del Grand Jury, si riteneva che Gavin Arvizo avesse toccato alcune riviste e ci fossero le sue impronte su di esse. E poi, durante il processo, l'accusa era che Michael gli avesse mostrato Playboy e che questo fosse stato un modo per, sapete, "scaldarlo" in vista dell'abuso. Era questa l'idea. Quella fu un'accusa che il giudice non accettò. Quindi, riguardo all'eventuale accusa di falsificazione delle prove da parte dei procuratori, l'unica accusa a quel punto era se ci fossero o meno le impronte di Gavin Arvizo sulle riviste. Perciò sì, i procuratori possono essere perseguiti per aver ostacolato la giustizia, per la manomissione delle prove, e possono essere reati gravi se sono approvati... Sapete, io ho visto TII 3 volte e potrei continuare a vederlo ancora e ancora se ne avessi il tempo, voglio dire, Michael era MAGIA. Era magia, gentilezza, generosità, sensibilità, grande Arte, tutte queste cose in una sola persona. A lui non interessava solamente il successo, lui voleva contribuire a guarire il mondo, aiutare le persone in difficoltà, voleva che i bambini avessero amore e una guida che poteva loro mancare, era semplicemente UNICO nel suo genere, e tutti quelli di noi che hanno avuto l'onore e il privilegio di conoscerlo e di capire chi fosse davvero, ci sentiamo benedetti, ha lasciato ovunque questa sensazione, in tutti coloro che sono stati onorati e privilegiati di incrociare il suo cammino e di conoscere quest'essere umano così speciale. E lasciami dire che la sua Arte, la sua gentilezza, la sua spiritualità, la sua generosità, la sua magia, vivranno a lungo. - A King: Grazie per avermi invitato e per i tuoi sforzi nel diffondere il messaggio che lui semplicemente fosse un essere umano veramente speciale e unico, che è stato attaccato e sfruttato ingiustamente. E buona fortuna a Geraldine.


FONTE: http://www.blogtalkradio.com/jordan-king/2014/06/24/tom-mesereaukerry-anderson-nurse-lee-geraldine-hughes-celebrate-mj-5-years
(a partire dal min. 46)

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page