MJ e Marielle Tourelle

TVN24 ha contattato Marielle, una ragazzina che ha accolto il cantante all'aeroporto di Varsavia: 

"Quando ero con lui, sentivo che era mio amico. Era una persona normale con un'anima bella".

"Tutti aspettavano il suo arrivo, tra la gente c’era una tale energia positiva, tanto entusiasmo e una grande adrenalina. Tutti erano eccitati e sorridevano. Le donne anziane piangevano e i bambini erano fuori  di sé dalla gioia- si comportavano in modo molto diverso rispetto al solito", dice Marielle. Jackson è atterrato in Polonia il 20 settembre 1996 e ha dato un concerto al Warsaw Bemowo al quale hanno partecipato 120.000 persone.


                     

In quel concerto, Marielle, nata in una famiglia polacco-francese, è apparsa sulla scena.

La ragazza ha anche accompagnato il cantante durante tutto il suo soggiorno in Polonia.
La loro amicizia non si è fermata lì, Marielle è stata anche al suo concerto a Parigi. "Ho ballato con lui in un concerto davanti a 100 mila persone. Insieme al gruppo di bambini che sale sempre sul palco per la canzone "Heal the World". Perchè lui credeva che i bambini possono migliorare il mondo. 

Beh, poi il resto dei ragazzi è andato via, ma io sono rimasta per l'intero brano. Mi sono sentita parte di questa missione. E' uno dei miei ricordi più belli". 

http://www.youtube.com/watch?v=WpqkCUcvhwg&feature=player_embedded

Da bambina, Marielle ha incontrato il cantante più volte. "E' sempre stata una grande esperienza. Grazie a lui la mia infanzia è stata molto colorata, mi ha ispirato a guardare il mondo in modo diverso. Mi ha trattata sempre come un adulta, non parlava con un linguaggio infantile, ed ha sempre fatto in modo di farmi sentire importante ", dice.
Marielle e la sua famiglia hanno vissuto nello stesso albergo con Jackson alla periferia di Parigi e a Disneyland. Secondo lei, nonostante l'enorme popolarità, Jackson non guardava le persone dall’alto in basso. "Era un uomo normale con un grande senso dell'umorismo. Aveva una voce molto morbida - è stato incredibile vedere come fosse una persona molto delicata rispetto a quando era sul palco. Con molta protezione, riusciva ad evere del tempo solo per se stesso o comunque era sempre in grado di recuperarlo ", ricorda.

Marielle conosceva il suo lato privato. "Quando ero con lui, sentivo che era mio amico. Una volta, volevo andare con lui al museo. Gliel’ho suggerito, e lui mi rispose: "Cosa darei per poter essere in grado di farlo, ma è impossibile. Dovrei venire con un sacco di guardie del corpo "- ha aggiunto.


  

Secondo lei, Jackson non è solo un "grande eroe", ma era anche "una persona con un'anima molto bella". "Voleva ispirare le persone, aiutarle, farle felici. Guardava tutto dal punto di vista artistico ed era idealista. Hanno detto che era ingenuo, ma io penso che credeva davvero che se vuoi, puoi cambiare il mondo. Ha scritto i testi di tutte le canzoni che ci mostrano chi era realmente. Lui cantava: ‘guarisci il mondo’ e ‘non importa se sei bianco o nero’ “.

Marielle non crede alle voci sul cantante, e ritiene che siano stati i media a distruggere Jackson. "Non era un pedofilo. Si tratta solo di ridicoli rumors. Lui non ha cambiato il suo colore, aveva una malattia della pelle. Spero che ora tutti capiscano che queste cose non sono vere ", conclude.

Marielle oggi vive a Londra, e studia presso la London School of Economics.

 

Fonti: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=330922510291062&set=o.112835465428699&type=1&theater

http://michael-jackson-l-o-v-e.blogspot.it/2012/03/marielle-tourelle.html

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page