Gone Too Soon - Scritta e dedicata alla memoria di Ryan White

Michael e Ryan http://www.youtube.com/watch?v=XS1dE1ArwG4&feature=colike

 

DALLA DESCRIZIONE DEL VIDEO:

Michael è AMORE e per questo non potrà mai essere dimenticato poichè... LOVE LIVES FOREVER!

GLI ULTIMI MOMENTI DI RYAN...

Michael chiamò Jeanne quella domenica mattina e Jeanne gli disse che a Ryan restavano meno di due ore..."Ryan ... sta morendo. Mi sento malissimo", disse Michael, "Michael,tesoro... non venire, sappiamo quanto gli vuoi bene" "Verrò, sarò li il prima possibile Appena arrivato Michael Jackson, si diresse subito in casa White, Era molto sconvolto dal fatto che lui non fosse riuscito ad arrivare prima che Ryan fosse morto. Salì in camera di Ryan, che era piena delle sue collezioni, poster, e souvenir, tra cui la sua sedia da regista dal set cinematografico. Nel ripostiglio c'era la nuova giacca in pelle che Michael gli aveva chiesto di indossare. Michael si sedette in silenzio..." 

Michael si sedette in silenzio a guardare tutto per lungo tempo. Jeanne gli offrì tutto quello che voleva lì come ricordo, ma lui le chiese di lasciare la stanza di Ryan così com'era. Nel cortile dei White c'era la Mustang rossa che Michael aveva regalato l'anno prima a Ryan per i suoi 18 anni.

 

Michael si è esibito il 19 gennaio 1993 alla ‘An American Reunion - The 52nd Presidential Inaugural Gala’ , per il nuovo presidente, Bill Clinton. Michael, oltre a dedicare la canzone al suo compianto amico Ryan, ha colto l'occasione per parlare a favore del finanziamento della ricerca relativa all’AIDS:

 

"Grazie Signor Presidente per avermi invitato al galà inaugurale. Vorrei prendere un attimo da questa cerimonia pubblica per parlare di qualcosa di molto personale. Si tratta di un mio caro amico che non è più con noi. Il suo nome è Ryan White. Era un emofilico a cui è stato diagnosticato il virus dell'AIDS, quando aveva undici anni. Morì poco dopo averne compiuto diciotto, proprio nel periodo in cui i giovani stanno iniziando ad esplorare le possibilità meravigliose della vita. Il mio amico Ryan era molto brillante, molto coraggioso, un giovane uomo che non ha mai voluto essere un simbolo o un portavoce di una malattia mortale. Nel corso degli anni, ho condiviso tanti momenti spensierati, felici e dolorosi con Ryan e io ero con lui al termine del suo viaggio breve ma intenso. Ryan se ne andato e così come chi ha perso una persona cara a causa dell'AIDS, mi manca profondamente e costantemente. Se n'è andato, ma io voglio che la sua vita abbia un significato al di là della sua scomparsa. È la mia speranza, Presidente Clinton, che voi e la vostra amministrazione impegniate le risorse necessarie per eliminare questa terribile malattia che ha preso il mio amico, e ha spezzato tante vite promettenti prima del loro tempo. Questa canzone è per te Ryan."  MICHAEL JACKSON

http://www.youtube.com/watch?v=i1ej5gFO_Co

Scritta e dedicata alla memoria di Ryan White, un emofilico a cui è stato diagnosticato il virus dell'AIDS all’età di undici anni, e che è morto subito dopo averne compiuto diciotto nel mese di aprile del 1990.

FONTE: "A Visual Documentary" by Adrian Grant

 

In una intervista, Jeanne White, ora Jeanne White-Ginder, ha raccontato la sua storia a Windy City Times. 

FONTE: http://www.windycitymediagroup.com/gay/lesbian/news/ARTICLE.php?AID=32734 

by Sarah Toce

TRADUZIONE A CURA DI "4everMJJ" PER MJFanSquare Forum

 

Jeanne White-Ginder parla di suo figlio Ryan

Durante una procedura di rimozione parziale di un polmone per una polmonite nel dicembre 1984, all'emofiliaco Ryan White fu diagnosticata l'AIDS. La malattia era associata soprattutto con la comunità gay, al momento, ma c'era un problema. Ryan non era gay. Aveva inconsapevolmente contratto il virus dell'HIV mentre riceveva un trattamento contaminato di Fattore VIII. 
Più di tutto Ryan voleva essere un adolescente normale a Kokomo, Indiana. Anelava ai giorni in cui sua sorella sarebbe tornata a casa da scuola, un luogo da cui era stato bandito a causa della sua malattia, in modo da poter sentire come sarebbe stato al di fuori della sua casa. Le sue battaglie giudiziarie contro il sistema sanitario, il sistema scolastico e le comunità vicine non lo avevano limitato, ma, piuttosto, gli avevano dato una causa per cui combattere. Un guerriero ostinato, Ryan non si è mai lamentato della malattia che la stava avendo vinta sul suo corpo. Voleva cambiare il mondo.

All'inizio della sua breve battaglia con l'AIDS, Ryan era uno studente di 13 anni con il mondo intero davanti e una diagnosi di sei mesi di vita. Accanto a lui sua madre, Jeanne, e sua sorella Andrea. 

 

Windy City Times: dopo che a Ryan fu diagnosticato l'HIV a seguito di un trattamento del sangue per l'emofilia nel 1984, la vostra famiglia è stata trattata così male nella tua città natale di Kokomo, Indiana, che avete dovuto trasferirvi altrove per ricominciare. Cosa si prova in una situazione del genere? 

Jeanne White-Ginder: Penso che forse le priorità hanno contribuito a prendere la decisione di trasferirci, e il desiderio che Ryan vivesse. Rendergli la vita migliore possibile... tolleri un sacco di cose. Cerchi di essere comprensivo, perché ti rendi conto che le persone agiscono in un certo modo perché sono ignoranti. Devi stabilire delle priorità. E' stato difficile per mia figlia ed era difficile quando andavo a lavorare. Certe volte mi dovevo chiedere "Che cosa è veramente importante?" Era facile farsi prendere dalla negatività e mollare, ma ho dovuto pregare molto e chiedere al Signore di aiutarmi a non rispondere alla gente qualcosa di cui poi mi sarei pentita. Io e mia figlia, Andrea, parliamo molto di quello che abbiamo passato e non riusciamo nemmeno a crederci. Tu fai quello che devi fare. 

Una delle cose che ero solita dire a Ryan era che finché sai in cuor tuo che quello che stai facendo è giusto, non può essere sbagliato. Penso che vale per tante cose nella vita, sai? Le faccio e basta. Tutti pensano che la vita sia un piano prestabilito, ma non lo è. 

Ryan avrebbe dovuto vivere dai 3 ai 6 mesi. A quel tempo era quello il periodo che sopravvivevano. Aveva una conta delle cellule T di 25 e non è mai andato più in alto per tutto il tempo e, più o meno, questo era il modo in cui doveva essere. Volevo dargli più tempo e fare tutto il possibile. Per quanto mi riguardava, volevo che vivesse e volevo essere lì per lui. 

Windy City Times: Si sapeva poco a quel tempo sull'AIDS, giusto? 

Jeanne White-Ginder: C'era così poco di conosciuto in quel momento. Mi ricordo che alla nostra prima udienza in tribunale pensavo che c'erano tutti questi famosi medici esperti di malattie infettive dalla nostra parte. Avevamo anche il Centers for Disease Control (CDC) dalla nostra parte. L'altro lato della questione erano i medici locali che dicevano che non avrebbero permesso che i loro figli andassero a scuola con Ryan e che se fosse stato un loro paziente non lo avrebbero curato. E io pensavo: "Aspetta un minuto!" Quando ci sono medici contro medici, allora inizi a confrontare le qualifiche di quei medici. Sono rimasta sorpresa dalla poca educazione che i medici avevano sull'AIDS a quel tempo, a meno che non fossero specializzati in malattie infettive. Era difficile da capire. In qualche modo abbiamo dovuto attingere la nostra forza e in qualche modo l'avremmo superata. 

Windy City Times: Ti ricordi una circostanza specifica in cui hai pensato "E' finita, dobbiamo arrenderci" o che sia stata una combinazione di eventi sfavorevoli? 

Jeanne White-Ginder: Uno dei fattori decisivi che mi ha fatto combattere perché potesse andare a scuola era che ogni giorno quando tornavo a casa dal lavoro, non vedeva l'ora di vedermi. Voglio dire, come mamma ami questa cosa! E ogni giorno, quando sua sorella scendeva dal bus della scuola, era così eccitato. Era quasi come se fosse in attesa di morire e come se noi fossimo in attesa che morisse. Mi chiese se potevo verificare se lui poteva tornare a scuola. Pensai alle implicazioni di ciò che poteva accadere, volevo solo vedere il sorriso sul suo viso e dargli la speranza. Era così triste che il momento clou della sua giornata fosse il mio ritorno a casa. L'avvocato disse a Ryan che sarebbe stata veramente dura in tribunale e Ryan disse solo, "posso farcela". Io ero lì con lui in questo. Non so come abbiamo fatto, ma in qualche modo l'abbiamo fatto. 

Windy City Times: Prima di Ryan, l'AIDS era una malattia generalmente associata con la comunità gay maschile. La diagnosi di Ryan ha cambiato completamente l'attenzione e l'odio verso la popolazione gay. 

Jeanne White-Ginder: Lasciate che vi dica come avvenne. Non avevamo informazioni sull'AIDS e a Ryan erano stati dati solo dai tre ai sei mesi di vita. Dissi al medico: "Voglio sapere tutto quello che c'è da sapere su questa malattia, in modo da aiutare Ryan". Lui disse: "Signora White, non ci sono molte informazioni. So che è una donna forte e cristiana, ma deve ricordare che le persone che stanno combattendo questa malattia e cercando di fare qualcosa al riguardo sono per lo più le comunità gay". Mi ha dato le informazioni per la Fondazione Americana per la ricerca sull'AIDS (amfAR) e non sapevo se avrei chiamato, ma l'ho fatto. Voglio dire, se c'era qualcuno là fuori che sapeva della malattia più di me, avrei fatto tutto il possibile per aiutare mio figlio. 

Non sapevo cosa aspettarmi. Io non conoscevo nessun gay (o almeno nessuno di cui fossi a conoscenza). Al momento non c'erano assistenti sociali o terapia per me o per Ryan. L'amfAR operava fuori da New York e sapevano di più su quello che stava succedendo con la malattia a causa dei numeri. Mi dissero che ogni volta che avevo delle domande potevo chiamare e mi ricordo di aver pensato che avrei avuto bisogno di chiamare in continuazione perché ogni volta che Ryan aveva la tosse o la febbre, mi chiedevo se sarebbe stata l'ultima volta. Mi chiedevo se stavo facendo abbastanza. Che pressione cercare di conoscere la malattia quando è così nuova come quella! Per merito dell'amfAR, ho iniziato a incontrare più persone con l'AIDS. Ho iniziato a incontrare le mamme e i papà dei pazienti e ho cominciato a capire di più quello che stava succedendo. Nessun altro aveva qualcosa a che fare con noi in quel momento, ma c'eravamo gli uni per gli altri. 

Ad un certo punto fu introdotto un nuovo farmaco chiamato PHA23 e mi dissero che sarebbe stato fatto qualche test con quel farmaco al Roosevelt Memorial Hospital di New York. Venivano introdotti nuovi farmaci ogni giorno e sembrava che nessuno di loro avrebbe mai funzionato. Ci chiesero se volevamo andare a New York per provare il nuovo farmaco e dicemmo di sì. Avremmo fatto qualsiasi cosa che poteva aiutare Ryan a quel tempo. Abbiamo incontrato un sacco di persone nuove che erano state infettate e stavano passando quello che stavamo passando noi. Ryan era famoso a quel tempo a causa di tutte le battaglie giudiziarie e tutto il resto. 

Un giorno un signore si avvicinò a Ryan e si presentò. Ryan non sapeva mai come le persone lo conoscevano. Stava leggendo un fumetto e il signore non capiva perché lo faceva. Disse a Ryan, "La nostra intera comunità è così impaurita e tu sei qui a leggere un fumetto". Ryan disse semplicemente "Sì". Il tipo continuò dicendo: "Sai mi hanno trovato 12 tumori. Non mi è stato ancora diagnosticato l'AIDS, ma sono abbastanza sicuri che è quello che ho. Voglio solo ringraziarti per tutto quello che hai fatto per noi malati di AIDS". Si allontanò e Ryan si girò verso di me e disse "Mamma, io sono l'unico che sa veramente quello che sta vivendo. Stiamo entrambi combattendo la stessa malattia". 

Così, questa è stata una delle ragioni per cui abbiamo preso a cuore la causa di sostenere tutti. Una volta che incontravamo delle persone [indipendentemente dall'orientamento sessuale] ci piacevano. Erano tutti come noi. Ho incontrato i loro familiari, gli amici, i loro partner... eravamo tutti uguali. 

Windy City Times: Un sacco di gente presume che Ryan fosse gay, dato che ha contratto la malattia. 

Jeanne White-Ginder: A quel tempo tutti dicevano che Ryan doveva essere gay o che aveva qualcosa di sbagliato o cattivo per aver contratto la malattia. Continuavo a cercare di spiegare loro che l'aveva presa dal Fattore VIII usato per trattare la sua emofilia. Dicevano: "Beh, perché non sentiamo questo dagli altri, allora?" Beh, non si sentiva allora perché il 1985 è stato l'anno in cui hanno iniziato a rendersi conto che l'85% degli emofiliaci erano affetti da HIV. L'unico caso noto era Ryan perché era uno dei primi emofiliaci a cui hanno riscontrato il virus. Fu uno dei primi gruppi di emofiliaci testati a quel tempo. La gente supponeva che avesse fatto qualcosa di male per essersi ammalato e non era vero. 

Non sapevo come era stata trattata la comunità gay fino a quando anche noi siamo stati coinvolti nell'AIDS. Veniva chiamato "omosessuale" e "frocio" e tutto il resto. Voglio dire, noi sentivamo tutto. Sapevo che l'amfAR stava facendo tutto quello che poteva fare per la comunità gay e per tutti quelli affetti dall'AIDS. 

Windy City Times: Ryan è morto per complicazioni da AIDS nel 1990, all'età di 18 anni. Com'è cambiato il volto dell'AIDS nel mondo da allora? Pensi che siano stati compiuti progressi nella lotta per arrestare la diffusione del virus HIV? 

Jeanne White-Ginder: Non avrei mai sognato, Sarah, che dopo 30 anni, Ryan sarebbe stato ancora ricordato e sarebbero state fatte grandi cose con il suo nome. Voglio dire, ogni volta andavamo da qualche parte, non sapevamo mai chi sarebbe ancora stato vivo e chi non lo sarebbe stato. La gente stava morendo così velocemente. Ogni due anni abbiamo questi incontri "Ryan White" a Washington, DC, ed è così fantastico per me perché, molto probabilmente, riesco anche a vedere alcune delle stesse persone di nuovo. Vivono più a lungo ora. Mi ricordo di alcuni di loro fin dall'inizio. 

La mia più grande paura è che, specialmente nella comunità gay, la nuova generazione di giovani uomini là fuori non ricorderà la devastazione che tutti dovevano affrontare. Spero solo che i numeri non inizino ad aumentare ora, perché abbiamo medicine per curare l'AIDS mentre non le avevamo prima, e che per questo le persone non si rilassino sulla prevenzione. C'è un aumento ora nei giovani omosessuali. Ai tempi in cui l'ha avuta Ryan, tu non la volevi! Combattevi così duramente per le medicine e poi vedi gente che prende la situazione con meno serietà. Vogliamo convincere ed educare le persone a non farlo! A causa di problemi religiosi e morali che hanno sempre circondato questa malattia, è sempre stato più "facile" dare la colpa a qualcun altro. Ryan era solito dire: "Facciamo di questa una malattia di cui si può parlare e non una parolaccia." Anche sulla stampa, viene fuori una storia di AIDS e la gente praticamente la ignora... a meno che non siate colpiti o infetti. 

Windy City Times: La legge Ryan White Comprehensive AIDS Resources Emergency (CARE) è stata approvata dal Congresso degli Stati Uniti il 18 agosto 1990 in onore di Ryan. La legge è stata riautorizzata nel 2006 e 2009 (Ryan White HIV / AIDS Treatment Extension Act). Cosa ne pensi ora riguardo la legge CARE? 

Jeanne White-Ginder: L'unica cosa che mi rattrista è che, sì, il nome di Ryan è sullla legge Ryan CARE e lui è ricordato, ma non avete mai sentito parlare di tutti quelli coinvolti che hanno fatto tutto il duro lavoro. Non potrete mai ascoltare i loro nomi. Cerco sempre di fare in modo di ricordarli nelle interviste e quando parlo, perché mi hanno aiutato a imparare ad apprezzare una persona per quello che è. Mi hanno aiutato ad aprire la mente. Ho visto come i cristiani hanno agito e si comportavano riguardo a questa malattia e mi ha molto rattristato. Mi rattrista ancora. 

Ho avuto una fondazione per l'educazione e le risorse, ma la gente si confondeva fra la nostra fondazione e la legge Ryan White CARE. La legge Ryan White CARE è finanziata dal governo federale e aveva più senso per noi lasciare che fossero loro a gestire le risorse. Molta gente confondeva le due cose. 

Windy City Times: Nei primi anni dell'AIDS, è stato molto raro trovare conforto nel pubblico in generale, ma c'erano molto personaggi pubblici intorno alla vostra famiglia. Puoi parlarci un po' di Michael Jackson e del coinvolgimento di Elton John nella vostra vita quando Ryan stava combattendo l'AIDS? 

Jeanne White-Ginder: Elton John è stata la prima celebrità a farsi avanti e a sostenerci. Stavamo facendo un evento con l'amfAR e hanno chiesto a Ryan se l'avrebbe condotto insieme ad Elizabeth Taylor. Naturalmente abbiamo risposto di sì. Ryan non vedeva l'ora di incontrare Elton ed era così eccitato. Sapevamo di lui, ma non lo avevamo mai incontrato fino a quel momento. Lui aveva 14 anni e non sapeva chi fosse Elizabeth Taylor... Odio anche solo dire questo! Ha detto: "Chi è Elizabeth Taylor?". Però sapeva chi era Alyssa Milano (una delle protagoniste di "Streghe", ndt)! Elton aveva problemi di jetlag e non poteva partecipare a quella serata, però. 

Ryan era come un piccolo soldato, incontrando tutte queste persone. Era raggiante quando ha incontrato il sindaco [di New York] Edward Koch. Hanno fatto una conferenza stampa insieme ed erano così divertenti mentre scherzavano! Voglio dire, ho sempre saputo che era un tipo divertente, ma presumo che non sapevo quanto. 

La mattina dopo, eravamo a bordo della limousine pronti per tornare a casa (Good Morning America aveva pagato il nostro viaggio) quando è squillato il telefono. Ryan, Andrea ed io ci siamo detti: "Chi sa che siamo in questa macchina? Non siamo nessuno di speciale!" Era Elton. Aveva chiamato Good Morning America e ci aveva rintracciato perché gli avevano detto che eravamo in macchina sulla via del ritorno verso l'aeroporto. Disse che voleva incontrarci e progettò tre viaggi per noi per incontrarlo. Ci ha fatto volare a Los Angeles e avevamo intenzione di trascorrere solo cinque giorni con lui, ma ci siamo divertiti così tanto che abbiamo deciso di rimanere altri cinque giorni. Era davvero entrato a far parte della famiglia. 

In un primo momento, penso che [le celebrità] fossero dispiaciuti e volessero fare qualcosa. Ryan non parlava mai della sua malattia. Quella era una cosa che Michael Jackson ha sempre detto di Ryan. Ryan era solito dire: "Se la gente smettesse di ricordarmi che ho l'AIDS, mi dimenticherei di averla". Eravamo semplicemente una tipica famiglia e non chiedevamo mai le cose. Le amicizie erano autentiche. Michael e Elton sapevano che potevano sempre fidarsi di noi. 

Windy City Times: Che cosa ha portato Michael e Ryan così vicini? 

Jeanne White-Ginder: Dopo la morte di Ryan, io devo raccontarvi questo.... L'ultima settimana e mezzo della vita di Ryan, Elton era all'ospedale a prendersi cura di tutto. Michael ha chiamato l'ospedale e ha chiesto di parlare con me. Voleva parlare con Ryan, ma ho dovuto dirgli che Ryan non poteva sentirlo perché era in coma. Michael mi ha detto: "No, so che sarà in grado di ascoltarmi. Puoi far arrivare una linea telefonica nella sua stanza?". Sapevo che se qualcuno poteva farlo era Elton. Stava ottenendo tutto in ospedale! 

Così, Michael ha chiamato e avevamo una linea telefonica nella stanza di Ryan. Elton ha messo il telefono all'orecchio di Ryan e Michael stava parlando a Ryan. Ho guardato Elton e aveva queste lacrime che gli rigavano il volto. Ho messo il mio braccio intorno a lui e gli ho chiesto cosa non andasse e lui mi ha detto, "Con tutti i soldi che ci sono in questa stanza, non possiamo riportare questo ragazzo in vita." E' stato un momento così sincero. 

Ryan è morto ed Elton è entrato in riabilitazione. Elton ora dice che considera Ryan responsabile per aver contribuito a salvargli la vita. 

Tre giorni dopo il funerale di Ryan Michael mi ha chiamato e ha chiesto come stavo. Gli ho chiesto che cosa rendeva lui e Ryan così vicini e mi ha detto: "La maggior parte delle persone non riesce a dimenticare chi sono, perciò non si comportano mai normalmente con me." Ha detto: "Jeanne, non riesco a fidarmi di nessuno. Tutti vogliono qualcosa da me." 


Poi mi ha detto che aveva promesso a Ryan che sarebbe stato nel suo prossimo video, ma ora non poteva onorare quella promessa, perché Ryan non c'era più. Così, mi ha chiesto se poteva fare il video per Ryan, in modo che potesse mantenere la sua promessa. Ho detto, "Michael, questo sarebbe davvero bellissimo". Michael ha fatto il video. Era un uomo di parola. Il video è stato chiamato "Gone Too Soon". Ha speso un milione di dollari per ottenere i diritti per tutti i mezzi di comunicazione per una promessa che Michael aveva fatto. Michael mi ha detto più tardi, "Ryan non ha mai parlato una volta della sua malattia con me. Non ha mai voluto che provassi pena per lui." Mi ha detto che l'ultima volta che aveva visto Ryan era nel mese di gennaio e sapeva che poteva essere l'ultima volta che riusciva a vederlo. Ryan è stato là per tre giorni. Ha detto che Ryan non si lamentava mai. Michael ha detto: "L'unica cosa di cui si è lamentato è che faceva freddo e sono uscito e gli ho portato un bomber". 

 

VIDEO DI "Gone Too Soon" http://www.youtube.com/watch?v=IcNamirwTaY

 

MICHAEL IN UNA COVERSAZIONE TELEFONICA CON RYAN (sottotitoli in italiano)  http://www.youtube.com/watch?v=D3KqYOllRzY&feature=related

LA MADRE DI RYAN WITHE PARLA DI MICHAEL JACKSON http://www.youtube.com/watch?v=kldHhBrxUP4&feature=results_main&playnext=1&list=PLA3E0C4F3E607BCBF

 

In 1500 partecipano al funerali del Coraggioso Lottatore contro l'AIDS - Pubblicato su AP il: 12 Aprile 1990 (New York Times)

Più di 1.500 amici e sostenitori

, tra cui Barbara Bush e Michael Jackson, hanno partecipato oggi al funerale al diciottenne Ryan White, malato di Aids, che ha dato alla nazione una lezione di coraggio.

"Ryan e la sua famiglia hanno sempre creduto che ci sarebbe stato un miracolo", ha detto il Rev. Raymond Probasco nel suo elogio. "Ma questo non è accaduto. Credo che Dio ci abbia regalato Ryan come miracolo. Ha guarito uno spirito ferito in tutto il mondo e ha fatto di tutto."

La madre di Ryan, Jeanne, seduta con sua figlia Andrea, 16 anni, e il signor Jackson, il cantante dell'Indiana che aveva fatto amicizia con Ryan.

Il padre di Ryan, Wayne, che è divorziato dalla signora White, ha partecipato anch'egli alla funzione presso la Seconda Chiesa presbiteriana qui. Il cantante Elton John, che era rimasto in veglia vicino al letto durante l'ultima settimana di Ryan, ha portato la congregazione a cantare un inno, che poi lo accompagnò nella propria composizione "Skyline Pigeon".

'Ci ha aiutato a prenderci cura' Mr. Probasco ha fatto notare che molti personaggi famosi avevano fatto amicizia con Ryan durante la sua lotta contro l'AIDS e la sua battaglia legale per frequentare la scuola pubblica. Ha detto che Ryan ha avuto una vita piena di successo, come avevano fatto loro. "Ci ha aiutato a prenderci cura e di credere che, con l'aiuto di Dio, nulla è impossibile, anche per un bambino", ha detto Probasco.

Grazie a: spiritsdancinginthenight
e a Federica Cambini per la traduzione

 

Foto: Michael Jackson partecipa al funerale di un amico ed eroe, Ryan White

 

sulla tomba di Ryan ci sono due dediche una è di Elton e l'altra è di Michael

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page