Processo Murray: 4° GIORNO, 30 settembre 2011. Testimonianza di Robert Johnson

Primo testimone dell’accusa nella 4° giornata del processo a Conrad Murray Robert William Johnson, impiegato alla Nonin Medical, società che progetta e produce apparecchiature mediche non invasive.

Il procuratore Walgren gli ha chiesto di descrivere alcune di queste apparecchiature. Johnson ha citato il pulsiossimetro, l’ossimetro “regionale” e il capnografo, che sono tutte apparecchiature mediche di monitoraggio.

Alla Nonin, Johnson lavora come Responsabile di Regulatory Affairs (http://www.jobadvisor.it/ita/career_news/articoli/isfol_responsabile_affairs.html), della Ricerca Clinica e della Qualità. Come Responsabile di RA deve ottenere l’approvazione del Food & Drug Administration (FDA: http://it.wikipedia.org/wiki/Food_and_Drug_Administration) e dei Ministeri della Salute del mondo. Come Responsabile della Ricerca Clinica, fanno esperimenti sia su animali che esseri umani, sia prima che dopo l’immissione nel mercato dei loro prodotti, e come Responsabile della Qualità essenzialmente è coinvolto nelle procedure di testing dei prodotti.

Walgren gli ha chiesto di spiegare cosa è un pulsiossimetro. Johnson ha detto che il pulsiossimetro è uno strumento che emette certe lunghezze d’onda della luce, attraverso la propria pelle misura la quantità di quelle lunghezze d’onda che traspaiono su altri lati, per esempio se viene messo su un dito. Il pulsiossimetro rileva sia le pulsazioni che la percentuale dei globuli rossi che hanno ossigeno, e questo mostra la saturazione dell’ossigeno.

Parlando dei pulsiossimetri in generale, essi rilevano sul display sia le pulsazioni che una percentuale che viene chiamata SpO2.

Johnson dice che alla Nonin producono probabilmente più di 10 modelli di pulsossimetri.

Walgren gli ha chiesto se lui aveva familiarità con il modello della Nonin 9500 (è il pulsiossimetro usato su Michael da Murray, ndr) e lui ha detto di sì. Johnson lo ha descritto come un ossimetro “da dito” che contiene sia i sensori sia il circuito di ossigeno in un dispositivo che può essere messo sopra al dito del paziente e sul display rileva sia le pulsazioni che la SpO2.

Walgren ha mostrato la foto del modello 9500:

Johnson ha spiegato che sul display in corrispondenza della scritta “%SpO2” viene rilevata la percentuale dei globuli rossi che hanno ossigeno e in corrispondenza del simbolo del cuore, le pulsazioni.

Walgren ha mostrato al teste il modello di pulsiossimetro che fa parte del materiale di prova dell’accusa e Johnson ha riconosciuto che si tratta del Nonin modello 9500.

Walgren gli ha chiesto se questo pulsi ossimetro emette un qualche segnale di allarme e Johnson ha detto di no. Johnson ha chiarito che questo modello non è progettato per il monitoraggio continuo, anzi, è specificamente contrassegnato contro di esso. Walgren ha chiesto a Johnson di chiarire ulteriormente cosa volesse dire e Johnson ha spiegato che le istruzioni d’uso specificano di stare attenti ad usarlo solo per controlli spot. Johnson ha detto che il prodotto viene venduto insieme al manuale di istruzioni.

Walgren si è avvicinato a Johnson perché riconoscesse il manuale di istruzioni del modello che fa parte del materiale di prova dell’accusa.

Johnson ha letto ad alta voce le precauzioni d’uso sul manuale che recita: “questo dispositivo è privo di qualunque allarme acustico e deve essere inteso solo per controlli spot”.

Il controllo spot è una situazione in cui un dottore fa ad un paziente semplicemente una misurazione al momento, una lettura istantanea.

Walgren ha poi proiettato il manuale chiedendo conferma a Johnson di queste due diciture:

AVVERTENZE: Questo dispositivo è da intendersi esclusivamente come un supplemento nell’accertamento del paziente. Deve essere usato in associazione con altri metodi di accertamento clinico di segnali e sintomi.

PRECAUZIONI: Questo dispositivo è privo di qualunque allarme acustico e deve essere inteso solo per controlli spot.

Johnson ha detto che entrambi sono corretti.

Walgren ha chiesto se altri modelli della Nonin sono provvisti di allarme acustico e Johnson ha detto di sì.

Walgren ha voluto sapere da Johnson quale fosse il prezzo del modello 9500 nel 2009 e Johnson ha indicato la cifra di circa 275 dollari al dettaglio.

Walgren ha chiesto se Johnson riconosceva come prodotto della Nonin il modello 2500A. Johnson ha detto di sì e ha spiegato che si tratta di un pulsiossimetro che mostra sul display le stesse funzioni del modello 9500 ma ha anche un allarme visivo e acustico.

Walgren ha chiesto se questo allarme acustico sul modello 2500A è progettato fondamentalmente per essere ascoltato da un’altra stanza e Johnson ha risposto di sì, che al massimo volume può essere ascoltato al di fuori della stanza da letto (di un paziente, ndr).

Walgren gli ha chiesto se lui lo aveva testato questo allarme e lui ha detto di sì, che è un suono forte e fastidioso.

Walgren ha chiesto quanto costava il modello 2500A nel 2009 e Johnson ha detto circa 750 dollari al dettaglio.

Walgren: Con allarme acustico?

Johnson: Sì.

Walgren ha proiettato l’immagine del modello 2500A, riconosciuto dal teste:

Walgren ha chiesto se la Nonin produce anche una versione di pulsi ossimetro da tavolo e Johnson lo ha confermato, riconoscendo anche il modello specifico richiamato dal procuratore, il 9600:

Walgren ha domandato a Johnson il prezzo di questo modello nel 2009 e Johnson ha detto 1.250 dollari al dettaglio.

Walgren ha chiesto se la Nonin produce anche capnografi, Johnson ha risposto di sì spiegando che è un dispositivo che misura l’anidride carbonica emessa dal respiro del paziente.

Walgren ha fatto riconoscere a Johnson il modello LifeSense di capnografo/pulsiossimetro prodotto dalla Nonin:

Il dispositivo blu è il dispositivo che va messo sul dito. Il monitor è da tavolo, può essere posizionato, ad esempio, vicino al letto. E’ un modello portatile, come tutti i modelli che sono stati descritti. Johnson spiega il monitor dell’ultimo modello: sul display compaiono le pulsazioni e il livello di SpO2 per la funzione di pulsiossimetro, e poi il livello di anidride carbonica e il ritmo respiratorio del paziente. Quelle lunghezze d’onda che si vedono indicano i battiti del cuore e i respiri.

Walgren ha chiesto anche di questo modello il prezzo nel 2009 e Johnson gli ha detto 1.500 dollari.

Walgren ha chiesto a Johnson se tutti i modelli mostrati, oltre ad essere acquistati, possono anche essere noleggiati e Johnson ha detto di sì. Il procuratore gli ha chiesto quanto si pagherebbe ad esempio per il modello di 750 dollari e Johnson ha detto circa 40 dollari al mese.


CONTROINTERROGATORIO DI MICHAEL FLANAGAN:

Flanagan gli ha chiesto se il modello Nonin 9500, usato da un dottore per monitorare un paziente per 10/15 minuti e in sua presenza, sarebbe accurato e Johnson, dopo qualche secondo di silenzio, ha risposto: “Forse”.

Flanagan ha chiesto a Johnson se nel caso in cui le condizioni del paziente cambiano di minuto in minuto il modello 9500 è in grado di rilevare questi cambiamenti e Johnson ha detto di sì.

Flanagan ha chiesto se allora un dottore che è vicino al paziente mentre è sotto l’azione del propofol per 5/10 minuti, guardasse al monitor del modello 9500, avrebbe una lettura costante dell’ossigenazione e delle pulsazioni e Johnson ha detto di sì.

Flanagan: E non va bene se monitori quel paziente da un’altra stanza

Johnson: No.

Flanagan: Perché non saresti in grado di vederlo e di sentirlo.

Johnson: E’ molto difficile monitorare un paziente ed osservare quei numeri, ecco perché non è raccomandato, senza allarmi, per un monitoraggio continuo.

Flanagan: Lei cosa intende per monitoraggio continuo?

Johnson: Qualcosa di diverso rispetto alla rilevazione dei segni vitali del paziente in un controllo spot.

Flanagan: Però se tu vuoi fare un controllo spot ogni 5, 6 minuti, sarebbe adeguato.

Johnson: Sì.

Flanagan: E se tu stessi monitorando un paziente per brevi periodi di tempo di massimo 5/10 minuti, sarebbe accurato.

Johnson: Se tu stessi guardando il monitor costantemente, sì.

Flanagan: C’è qualcosa nel vostro manuale che dice che è controindicato per monitorare un paziente per periodi di tempo di 5/10 minuti?

Johnson: Sì, il manuale dice: “solo per controlli spot”.

Flanagan: E per “controlli spot”, se un dottore sta monitorando un paziente per 10 minuti, lei non considererebbe questo un “controllo spot”.

Johnson: Avrei difficoltà a chiamarlo un “controllo spot”.

Flanagan: C’è qualche limite temporale sul vostro manuale riguardo a quanto tempo tu puoi usare quel dispositivo?

Johnson: Impiega circa 10 secondi per offrire una lettura adeguata e una volta che tu hai quella lettura, questo è un “controllo spot”.

Flanagan: Ok, e se tu lo lasci lì per più di 5 o 10 secondi, ti darà una nuova lettura ogni 5/10 secondi?

Johnson: Monitora costantemente, sì.

Flanagan: Perciò, può essere usato per il monitoraggio continuo…

Johnson: No, non può.

A questo punto l’accusa ha fatto obiezione, ma il giudice ha chiesto a Walgren se voleva tenere la risposta di Johnson: “No, non può” ed il procuratore ha detto di sì.

Flanagan: Se tu stessi costantemente monitorando un paziente per 5/10 minuti, è adeguato per questo, vero?

Johnson: Non è classificato come dispositivo per il monitoraggio continuo.

Flanagan: Ma è adeguato per questo, vero?

Johnson: Se tu stessi guardando il display per tutto il tempo.

Flanagan: Ok. Quando non c’è l’allarme acustico, è necessario guardarlo.

Johnson: Corretto.

Flanagan: Questa è l’unica differenza, giusto?

Johnson: Corretto.

 

RIPRESA INTERROGATORIO WALGREN:

Walgren: E’ una grande differenza, giusto?

Johnson: E’ una differenza enorme.

Walgren: Potenzialmente tra la VITA e la MORTE.

Johnson: Sì.

Walgren: E per essere chiari, se tu hai il modello 9500 sul dito di qualcuno, e non puoi guardare distintamente il display da un’altra stanza, l’applicazione del monitor è inutile, è corretto?

Johnson: Sì.

 

RIPRESA CONTROINTERROGATORIO DI FLANAGAN:

Flanagan: Se tu non stai osservando questo strumento, è inutile?

Johnson: Sì.

Flanagan: Ma se tu lo stai osservando, ti fornisce delle buone informazioni?

Johnson: Sì.

 

Fonti: http://www.youtube.com/watch?v=PfNaDNTPX9o&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=FSHUX87cuCY&feature=related

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page