Fatti Vs. Finzione - Sfatare i rumors

FONTE: http://www.reflectionsonthedance.com/Factsversusfiction.html#anchor_134

TRADUZIONE BY http://www.truth4mj.com/

 

E’ stato scritto e riportato così tanto su Michael Jackson, che è diventato quasi impossibile per il pubblico conoscere realmente la verità.

In vita, mistero e scandalo sembravano inseguirlo e anche adesso nella morte, ancora molto è stato scritto su di lui. La maggior parte di tutto ciò è speculazione e sembrano essere tristi tentativi di rafforzare la valutazione di uno show. Questi sono esempi di giornalismo molto povero e irresponsabile.

Come nella maggior parte delle cose, la verità prevale se si prende il tempo di ricercare e guardare oltre la superficie. Il problema è che la maggior parte di noi non ha il tempo al giorno d'oggi di approfondire tutto quello che si sente nei telegiornali, nelle trasmissioni televisive e ciò che leggiamo sul giornale.

Le nostre vite sono predisposte per essere in fase calante verso l'ascolto e l'elaborazione dei byte del suono che sentiamo. Cerchiamo di rimanere informati e contiamo sul supporto e la veridicità dei media. Ma non è sempre così, purtroppo.

Una semplice domanda per voi. Preferireste che la gente per sapere chi siete, vi conosca attraverso chi ha familiarità con voi e che ascolti quello che dite dalle vostre parole, e da quello che chi vi conosce meglio potrà dire su di voi, o sarebbe bene che gli altri giudichino come stai e chi sei come persona, sentendo e vedendo un video della vostra vita o ascoltando i rumors? Michael merita lo stesso rispetto.

Qui sono incluse le citazioni e le testimonianze di persone che conoscevano Michael, estratti di varie pubblicazioni, così come alcune delle parole di Michael su se stesso in Moonwalk.

 

The Rumors vs. The Truth

Sbiancamento della pelle / desiderio di essere"bianco" / vitiligine

Michael è stato spesso accusato di voler diventare "più bianco " o di volersi "trasformare in un bianco", o di "sbiancare la pelle". Se volete sapere la verità, leggete, ricercate e guardate i video. Guardate le foto. Michael ci ha detto che soffriva di vitiligine. Molti non ascoltano. Molti invece lo hanno criticato e lo hanno chiamato con questi epiteti. La conoscenza è così importante. Cercate la verità.

  

 "Sono un nero americano. Sono orgoglioso della mia razza. Sono fiero di chi sono .... ho una malattia della pelle che distrugge la pigmentazione. E' qualcosa che non posso controllare."

Michael Jackson

La prova in foto e video, che Michael Jackson ha, realmente, sofferto di vitiligine. Gli sono state diagnosticate sia la Vitiligine che il Lupus a metà degli anni ‘80. Il tipo di lupus di cui era affetto colpisce solo la pelle e non gli organi interni.

Un video molto importante da guardare. Include la testimonianza di Donny Osmond, che era un buon amico di Michael. Conferma che aveva la malattia della pelle, la vitiligine. Anche la testimonianza della sua truccatrice, di Michael stesso e di altri. Comprende anche alcuni filmati della sua intervista con Oprah.

http://www.youtube.com/watch?v=ufqMSTYQy3g&feature=player_embedded

http://www.youtube.com/watch?v=15TSEKXXIvI&feature=player_embedded

 http://www.youtube.com/watch?v=sMGcJFCmnCg&feature=player_embedded

ALTRI VIDEO CON I SOTTOTITOLI

http://www.youtube.com/watch?v=ufqMSTYQy3g&feature=player_embedded#at=43

http://www.youtube.com/watch?v=xlBfN33ZeOw&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=xlBfN33ZeOw&feature=player_embedded

L’ anchorman TV Lee Thomas parla e mostra la sua vitiligine e spiega perché egli comprende la lotta di Michael Jackson con la malattia. Le mani di Thomas diventato bianche e spiega che se il suo volto e il corpo diventeranno sempre più chiari, dovrà passare dal trucco coprente nero al trucco coprente bianco.

VIDEO RELATIVO ALL'ARGOMENTO: "MJ TUTTA LA VERITA' SUL LUPUS E VITILIGINE in italiano" http://www.youtube.com/watch?v=18RnvPAJk7U&feature=player_embedded 

 

 http://www.youtube.com/watch?v=EIyQvcuTJYA (inglese)

Nella foto qui sotto, potete vedere che le mani di Lee sono diventate completamente bianche. Ha anche sottolineato nell'intervista sopra che lui, come Michael Jackson, a un certo punto ha dovuto indossare un guanto per cercare di coprire la vitiligine.

Lee, senza il suo trucco

 

Un esempio di un altro uomo che soffre di vitiligine. La foto non mostra solo il cambiamento della sua pelle da nera a bianco pallido, ma i suoi lineamenti appaiono diversi, a causa proprio del cambiamento di colore della pelle.

Un confronto molto simile. Se si guarda attentamente, a parte il suo naso che è diverso e il diverso haristyle, si noterà che ha ancora gli stessi occhi, le stesse labbra (anche se le sue labbra nella foto più recente avevano il rossetto per combattere il pallore estremo comune a un sacco di gente che soffre di vitiligine. La forma del suo viso non sembra molto diversa. Ricordate: ...Luce e buio influenzano il modo in cui vediamo i colori, la luce li amplia e le cose sembrano più grandi, i colori scuri fanno sembrare le cose più piccole ed è per questo che ogni donna ama indossare il nero). Lui inoltre doveva anche truccarsi per uniformare il suo skintone.

Michael Jackson firma un autografo nel 1988.

Questa foto è stata scattata 2 anni dopo la diagnosi della vitiligine ed egli qui è ancora nelle prime fasi della sua malattia.

Foto di Alan Light

 

Molto evidente la prova della vitiligine di Michael come si vede dal pallore della pelle, delle necrosi sulle mani e dallo spotting sulle braccia.

Un uomo che soffre di vitiligine. È possibile vedere macchie simili sulle braccia e come è diventato "bianco" dal suo colore della pelle originale.

Nella foto qui con Kenye West, si può vedere come la pelle di Michael era diventata incredibilmente pallida a causa della sua condizione.

Una donna che soffre di vitiligine

Da queste foto si può vedere il prima e il dopo aver usato un trucco Dermablend per coprire la sua vitiligine. Alcuni malati, una volta che la vitiligine diviene abbastanza vasta, decidono per la depigmentazione totale.

La vitiligine di Michael è molto evidente qui sul collo e sul viso.

un altro esempio di vitiligine

in questa foto la vitiligine è molto evidente sul giovane viso di Michael su guance, fronte e mento.

Michael, mentre tiene uno dei suoi figli. Nella zona cerchiata della foto, potete vedere la decolorazione.

Qui potete vedere la decolorazione/la pelle macchiata in tutto il petto e sulle braccia.

quì la decolorazione è evidente sul volto di Michael e le guance sono molto rosse sia per la Vitiligine che per il Lupus. Questo è il rash a farfalla osservato comunemente nei pazienti affetti da lupus che si vede sulle guance e sul ponte del naso.

Nota del redattore: ho una connessione molto personale con il Lupus in quanto la mia nonna paterna ha sofferto della malattia e so quanta sofferenza può provocare.

 

La sessualità di Michael / e le accuse di essere gay:

Tanto è stato detto sulla sessualità di Michael Jackson nonostante le tante volte in cui ha ribadito che non era omosessuale, ma le voci persistono.

Qui, in un articolo del Time Magazine presente in "Icons, Intimate Portraits” [Icone, Intimi Ritratti] di Denise Worrell, Seth Riggs, l'insegnante vocale di Michael, commenta una conversazione che ha avuto con Michael.

"Tutti pensano che tu sia gay Michael, gli ho detto un giorno. 'Sai Michael, un sacco di gente crede che tu sia gay.' Michael ha iniziato a ridere. Ha detto: 'Lo so. L'altro giorno un grande, alto, biondo e gradevole ragazzo è venuto da me e mi ha detto: "Ehi, Michael, penso che tu sia meraviglioso. Io di certo vorrei venire a letto con te. "Io lo guardai e gli dissi: " Quando è stata l'ultima volta che hai letto la Bibbia? Sai, in realtà dovresti leggerla perché ci sono alcune informazioni vere sull'omosessualità. "Il ragazzo dice:" Credo che se fossi stato una ragazza, sarebbe stato diverso. E io gli dissi: "No, ci sono alcune parole molto dirette nella Bibbia anche su questo."

L’ex-moglie Lisa Marie Presley, in diverse interviste, ha confermato che il loro era un matrimonio normale, sessualmente attivo. Michael ha parlato apertamente del suo primo amore Tatum O'Neil in Moonwalk.

Michael parla del suo amore per le donne e il concetto di vendetta in "Moonwalk"

"Heartbreak Hotel" è stato il brano più ambizioso che ho composto. Ho lavorato su una serie di livelli: si può ballare, cantare insieme ad essa, avere paura di essa, solo ascoltandola. Ho dovuto virare su un pianoforte a coda e violoncello che si è concluso su una nota positiva per rassicurare l'ascoltatore, non c'è alcun senso nel cercare di spaventare qualcuno se non c'è qualcosa che riporti la persona sana e salva da dove è stata presa. "Heartbreak Hotel" aveva il senso della vendetta in essa, sono affascinato dal concetto di vendetta. E' qualcosa che non capisco. L'idea di fare "pagare" a qualcuno, qualcosa che ha fatto a te o che immagini ti abbia fatto mi è totalmente estranea. L’ impostazione [della canzone] ha mostrato le mie paure e per la prima volta mi ha aiutato a sedarle. Ci sono stati tanti squali in questo business in cerca di sangue in acqua.

Se questa canzone, e più tardi "Billie Jean", sembrano mettere le donne sotto una luce sfavorevole, non dove essere preso come un fatto personale.
Inutile dire che amo l'interazione tra i due sessi, è una parte naturale della vita e amo le donne. Penso solo che quando il sesso è usato come una forma di ricatto o di potere, è un uso ripugnante di uno dei doni di Dio.

Michael sulle donne e l'amore

"Ho visto questa foto di Lisa Marie sulla copertina di una rivista che diceva che si era sposata, ero distrutto perché sentivo che avrei dovuto essere io. Davvero."

Michael Jackson

"Quando si sposò Diana Ross è stato difficile per me. Volevo che lei fosse felice, ma ero un po' ferito e geloso, perché ho ​​sempre amato Diana e sarà sempre così."

Michael Jackson

Beh Brooke, mi è sempre piaciuta, e quando ero piccolo stavo sempre con Diana Ross, io e i miei fratelli siamo rimasti con lei per anni e non l’ho mai detto, ma ho sempre avuto una cotta per lei."

Michael Jackson


"Elizabeth Taylor è meravigliosa, bellissima, lo è ancora oggi, e io sono pazzo di lei».

Michael Jackson

 

Il suo carattere e la sua fede:

Seth Riggs, un insegnante di canto che ha lavorato con Michael per due ore al giorno, 5 o 6 giorni a settimana, mentre Michael stava registrando Thriller e anche nei progetti successivi, ha commentato così il carattere di Michael in un articolo del Time Magazine. "Michael è un uomo molto speciale. Quando veniva per la sua lezione ci sedevamo e pregavamo, poi leggevamo la Bibbia quindi un'altra preghiera e solo allora iniziavamo a lavorare. Questo è il modo in cui gli piaceva iniziare la sua giornata. Riuscite a immaginare un grande artista come Michael Jackson mentre è impegnato in una lezione discutere di come meraviglioso Dio è stato con lui e quanto lui ama Dio?"

"Io credo in Dio..... traggo tutta la forza da Dio. Io credo molto in Geova, Dio..... io credo in Dio e nell'amore di Dio".

Michael Jackson

"Non mancava mai un 'ti amo, io sono così grato, ti apprezzo.' Questo dice tanto su chi lui era e quello che voleva. "

Travis Payne, coreografo che ha lavorato con Michael per gli spettacoli alla Arena 02

Andrae '(Crouch), ha detto Clifton Davis (quando lo vide al funerale di famiglia di MJ, il 4 settembre), che egli è "sicuro che Michael Jackson sapeva chi era il Signore". Questo è stato riportato da Clifton su TBN di "Praise The Lord" l’8/9/09, Martedì notte al mondo. (Dave)

Dalla pagina Facebook di Andrae Crouch. Andrae era un amico di Michael e ha lavorato con lui su diversi album.

 

La generosità di Michael: "Nessuno parla di quando ha fatto il Victory Tour. Mi ricordo di Michael come fosse un bambino in tour con il ‘Victory Tour’, giusto? E ogni sera nelle news si annunciava che Michael Jackson aveva donato il suo denaro in ogni città in cui era stato. Ha donato i suoi soldi ogni volta a un nuovo ente di carità. Ha donato il suo denaro dal Victory tour a enti di beneficenza. Ho pensato che era incredibile. Mi piace, wow! Questo ragazzo dona milioni di dollari ogni notte ad un nuovo ente di beneficenza. In ogni posto in cui erano lui si fermava in un ospedale per bambini e visitava tutti, chi si era bruciato, chi era malato e qualsiasi altra cosa, in ogni città si è preso il tempo per fare tutto questo ". Cory Rooney, che ha lavorato con Michael a Sony/Epic

Michael è stato rispettoso era fantastico lavorare con lui e non è stato impegnativo / non ha avuto un certo atteggiamento

"... Ci sono state delle volte in cui mi sedevo lì in studio e non riuscivo a credere che stavo lavorando con questa persona e questo è quello che è. Tutti hanno il coraggio di avere certi atteggiamenti.

Quando si lavora con un tipo come Michael Jackson, che quando era in ritardo, avrebbe dovuto essere in studio alle dodici e si è presentato con circa 45 minuti di ritardo, si sentiva così pessimo per il ritardo che si è scusato per l'intera sessione. Il giorno dopo mandò un cesto gigante di film, perché parlavamo sempre di film e di quanto io amo i film. Così mi ha mandato questo cesto gigante .... Oh mio Dio, probabilmente ci saranno stati 100 DVD. C’erano popcorn, zucchero filato, tutti i generi di libri e curiosità sui film, ogni genere di roba. E ancora una volta sul biglietto che lo accompagnava vi era scritto: 'Sono molto dispiaciuto per non aver rispettato il tuo tempo .".... gli ho chiesto: Mike, a che ora vuoi iniziare domani? Ha detto, 'Cory, sei tu il capo. Dimmi tu a che ora. Se vuoi che io sia qui alle sette del mattino, sarò qui alle sette del mattino. Mi disse, 'sei tu il capo. Qualunque cosa tu dica per me va bene '.

Chris Yandek (intervistatore): Quello che ho trovato interessante di tali osservazioni è il modo in cui i media principali le hanno distorte dicendo che voleva fare sempre le cose a modo suo.

Cory: "Niente affatto, per niente. Questo è quello che ho detto. Basterebbe solo che il mondo si fermasse un attimo e prestasse la giusta attenzione".
Cory Rooney, che ha lavorato con Michael alla Sony/Epic

 

La verità circa l'articolo del Sun pubblicato nel 2008 che affermava che Michael si era convertito all'Islam:

La scomparsa di Michael Jackson

26 Giugno 2009

Source: http://www.wharnsby.com/03_blog.html

 

Dalla stessa fonte di vita - veniamo tutti, e, inevitabilmente, tutti dobbiamo ritornarvi.

La scomparsa dell’artista e performer Michael Jackson ieri è stata quasi uno shock per molti. I miei pensieri e preghiere sono con la famiglia Jackson in questo momento difficile - e soprattutto con bambini piccoli di Micheal. Possano essere protetti dalla macchina dei media che così tragicamente ha strappato gran parte della vita di Michael, mentre ironicamente lo celebra come uno dei performer più incredibili e dinamici del mondo.

Come molti della mia generazione, la musica e il personaggio pubblico di Michael Jackson sono stati una gran parte della mia giovinezza. Il mio serio interesse per la musica inizia all'età di 10 anni quando ho visto la prima volta Michael esibirsi in televisione, poco dopo il suo album "Thriller" avrebbe spazzato il mondo. Il suo carisma, la sua disinibita passione per la sua arte e il suo stile unico mi hanno riempito la testa, sognando un giorno di poter condividere la mia musica con il mondo.

 

Pochi possono avvicinarsi a rivendicare anche solo una frazione di quello che Michael ha compiuto durante la sua carriera - dal bambino-star come cantante solista dei Jackson 5, attraverso il suo lavoro in "The Whiz" e poi per una carriera da solista come artista in maniera assolutamente impareggiabile nel suo dominio musicale e da performer. Il lavoro di Michael e la musica ha colmato il mondo e intere generazioni. Le sue coreografie, le dimensioni dei suoi concerti, i video musicali, la produzione di album, gli sforzi per la carità ("We Are The World" nello specifico) tutti standard che pochi potrebbero battere.

Negli anni il controllo dei media, lo scherno e il sensazionalismo sulla sua vita personale mi ha sempre fatto arrabbiare. Durante i periodi molto difficili della sua carriera ho sempre sostenuto e difeso Michael – lo ammiro per essere rimasto artisticamente ispirato e gentile con i suoi sostenitori.

Ogni giorno gente con una vita tremenda passa da questo mondo - agricoltori, studenti, tassisti, bambini, anziani, insegnanti in pensione, soldati e genitori. Chi siamo noi per giudicare il grado del loro "successo" o il livello con cui le loro vite toccato le vite degli altri? Ogni giorno dovremmo contare le perdite di collaboratori preziosi del mondo, e ogni giorno dovremmo celebrare i risultati positivi di tutti gli abitanti della nostra terra.

Con questo in mente, scrivo queste espressioni non perché "Michael Jackson la Super Star" è passato oltre, ma perché un ragazzo di nome Michael mi ha ispirato a cantare, ballare, sorridere, essere gentile con coloro che hanno condiviso con me la mia arte e, soprattutto, (come diceva Michael ogni volta che accettava un premio) "Grazie a Dio" per tutte le avventure meravigliose della vita.

Possa la musica di Michael proseguire per molte e molte generazioni ancora - ispirando la gente a ballare, sognare e sperare in un mondo migliore.

Infine - molti mi hanno contattato lo scorso anno per sapere del mio personale rapporto con Michael Jackson. Il 21 NOVEMBRE 2008 il Sun (Regno Unito) pubblica a livello internazionale un articolo affermando che Michael aveva adottato la religione dell'Islam attraverso l'amicizia con me e il mio collega Idris Phillips durante le sessioni di registrazione a Los Angeles.

Per la cronaca: Anche se i nostri ambienti professionali ha fatto cross-over per un po' con le varie conoscenze professionali comuni - non ho mai avuto l'onore o il piacere di incontrare Michael Jackson personalmente, né abbiamo mai avuto corrispondenze su questioni come la nostra professione, vita personale o fede.
Pace,

Wharnsby Dawud

 

Quando è stato chiesto se il suo defunto fratello era convertito all'islam prima della sua morte durante la sessione di Q & A, Marlon ha detto che non era a conoscenza di ciò, tutto quello che sapeva era che suo fratello è stato un cristiano fino alla morte.

Marlon Jackson parla in Nigeria circa un imminente progetto di suo fratello Michael

Link all'articolo http://234next.com/csp/cms/sites/Next/Home/5438456-146/story.csp

Per ulteriori informazioni sulla speculazione riguardo alla conversione di Michael o meno all’Islam, visitate questo link http://wikiislam.net/wiki/Michael_Jackson

Per informazioni sull’affiliazione di Michael con la Nation of Islam e di come Jermaine parla della previsione di convertire suo fratello, clicca qui http://today.msnbc.msn.com/id/3839216

 

Chirurgia plastica:

Molto è stato scritto e speculato riguardo alla chirurgia plastica di Michael Jackson. In Moonwalk, ha ammesso, al momento, 2 interventi chirurgici sul naso e l'aggiunta di una fessura al mento. Qui c’è più di quello che Michael dice a proposito del suo volto in "Moonwalk"

"Uno degli effetti collaterali del periodo di Thriller e ciò che mi ha stancato di più era il fatto di essere continuamente sotto gli occhi dell'opinione pubblica. Per questo motivo, ho deciso di condurre una vita privata più tranquilla. Ero ancora abbastanza timido circa il mio aspetto. È opportuno ricordare che ero stato un bambino prodigio e quando si cresce sotto questo genere di controllo le persone non vogliono che tu cambi per l'età e di conseguenza avere un aspetto diverso. Quando sono diventato famoso, ero un po’ grasso e avevo un viso tondo e paffuto. Una rotondità che è rimasta con me fino a qualche anno fa, quando ho cambiato la mia dieta e ho smesso di mangiare carne di manzo, pollo, maiale e pesce, nonché alcuni alimenti ricchi di grassi. Volevo solo un aspetto migliore, vivere meglio ed essere più sano.

Gradualmente, perdendo peso, la mia faccia ha preso la forma attuale e la stampa ha iniziato ad accusarmi di modificare chirurgicamente il mio aspetto, al di là del lavoro al naso che non mi vergogno ad ammettere di aver fatto, come molti artisti e stelle del cinema. Dovrebbero prendere una vecchia foto del periodo adolescenziale della scuola superiore e confrontarlo con una fotografia recente. Nella foto vecchia la mia faccia è tonda e tozza. Mi piacerebbe avere un aspetto Afro, ma il quadro sarebbe male illuminato [modo di dire che indica che la situazione non è inquadrata nel modo giusto ndt]. La nuova foto mostra un volto più vecchio, più maturo. Ho un taglio di capelli diverso e un naso diverso. Inoltre, l'illuminazione del fotografo è eccellente nelle fotografie recenti. Non è davvero giusto fare comparazioni. Hanno detto che ho fatto una chirurgia ossea sulla mia faccia. Mi sembra strano che la gente salti a queste conclusione e penso che sia molto ingiusto.

Judy Garland, Jean Harlow e molti altri si sono rifatti il naso. Il mio problema è che, come una persona che è diventata star già da bambina la gente è abituata a vedermi solo in quel modo.

Mi piacerebbe mettere le cose in chiaro adesso. Non ho mai alterato i miei lineamenti o modificato i miei occhi. Non ho assottigliato le mie labbra, né ho fatto alcuna dermoabrasione o peeling della pelle. Tutte queste accuse sono ridicole. Se fossero vere, direi di sì, ma non lo sono. Ho ritoccato il mio naso due volte e ho recentemente aggiunto una fossetta al mento, questo è tutto. Punto. Non mi interessa quello che chiunque altro dirà - è la mia faccia e io lo so.
Io sono vegetariano e ora sono molto più sottile. Ho fatto una rigorosa dieta per anni. Non mi sono mia sentito più bene di così, sono più sano e più energico. Comunque non capisco perché la stampa è così interessata a speculare sul mio aspetto. Cosa ha a che fare la mia faccia con la mia musica o il mio ballo?"

"Sai, mettiamola in questo modo, se tutta la gente di Hollywood che ha fatto interventi di chirurgia plastica se ne andasse in vacanza, non ci sarebbe anima viva in città. "

Michael Jackson

Nota del redattore: personalmente ritengo che il tema della chirurgia plastica nei riguardi di Michael Jackson e cresciuto troppo e in modo sproporzionato. Quello che ne viene fuori è questo. Qualunque altra cosa avrebbe potuto fare o non ha fatto, in realtà non è affar nostro. Come Michael ha detto sopra, non ha nulla a che fare con il suo talento e con tutto quello che ha dato al mondo. Michael ha venduto milioni di dischi, ha aiutato persone in tutto il mondo, era un inventore e nonostante questo, tutto ciò su cui la stampa e alcune persone del pubblico si concentrano sono il suo aspetto, ciò che indossava e altre speculazioni. Ricordate l'uomo e il suo contributo, la sua anima, gli sforzi che ha fatto per rendere questo mondo un posto migliore e il talento che gli è stato riconosciuto da Dio che ha condiviso con tutti noi. Questo è ciò che è importante. Tutto il resto sono solo frivolezze. Come Michael stesso ha commentato una volta ...." il resto è solo contorno."

 

Il guanto bianco:

In diverse interviste, Michael afferma di sentire che indossare una guanto era molto più "cooler" che portarne 2 e questo continua a far parte della sua immagine. Ci sono altre relazioni, tra cui il video nella parte superiore di questa pagina che descrive la vitiligine di Michael, che affermano che la ragione per cui Michael indossava il guanto non era solo un fatto di immagine, ma era anche un modo per Michael di coprire le prime fasi della sua Vitiligine. E' molto probabile che Michael ha preso qualcosa che avrebbe potuto essere negativa, e, nel suo vero carattere, lo ha trasformato in qualcosa di molto positivo che entrò a far parte della sua immagine.

Articolo della CNN con Cecily Tyson sul Guanto Bianco di Michael  http://edition.cnn.com/2009/SHOWBIZ/07/09/michael.jackson.glove/

Michael parla del suo guanto in "Moonwalk":

"Io in realtà ho indossato il guanto per molto tempo, ma non aveva avuto tutta questa attenzione fino a quando tutto ad un tratto è esploso con Thriller, nel 1983. Lo stavo indossando in alcuni Tour negli anni ’70, e ho indossato un guanto durante l'Off the Wall tour e sulla copertina del disco dal vivo che è uscito in seguito.

E' nato così lo show business del guanto. Mi piace indossarlo. Una volta, per coincidenza, ho indossato un guanto nero per la cerimonia degli American Music Awards, ed è successo anche al compleanno di Martin Luther King, Jr.. Buffo come a volte le cose accadono. "

 

Dormire in una camera iperbarica:

Anche questa storia, ha visto molte metamorfosi nel corso degli anni. Le numerose spiegazioni abbondano. Alcuni sostengono che Michael e/o il suo staff ha diffuso la foto alla stampa come una trovata pubblicitaria. Altri ancora sostengono che Michael l’avrebbe usata per trovare un naturale, olistico modo per trattare la sua vitiligine.

La spiegazione di Michael era semplice e sembra avere molto più senso.

Nel dicembre del 1984 Michael ha visitato il Brotman Memorial Hospital, dove era stato curato per le sue gravi ustioni durante le riprese dello spot della Pepsi. Ha donato tutti i soldi che ha ricevuto da Pepsi, $ 1.5 milioni, per il Michael Jackson Burn Center for Children. La camera iperbarica è utilizzata nei trattamenti delle ustioni e Michael sostiene che è entrato nella camera per testarla e una foto di lui all’interno di essa è stata presa e fatte trapelare ai giornali scandalistici, e il resto, è storia.

 

Michael faceva delle cose innaturali per mantenere alta la sua voce

Nel libro " Icons, Intimate Portraits ", dello scrittore del Time Magazine Denise Worrell, Seth Riggs, insegnante di canto di Michael che ha lavorato con lui, durante le registrazioni di "Thriller", (e anche nei progetti successivi) ha detto questo circa la voce di Michael:

"Michael è un tenore alto e ha una gamma di tre ottave e mezza, il che è insolito. Una persona media ha circa un intervallo di due ottave. Michael non canta in falsetto. Non salta fuori dalla sua area naturale nel cantare quelle note alte. Il lavoro che ho fatto con Michael è stato quello di estendere il suo campo naturale. La gente dice che Michael prende ormoni femminili per mantenere alta la sua voce. Questo non è vero. Io sono il suo insegnante di canto. Lo saprei se fosse così. Ha cominciato con una voce alta e si è allenato per renderla ancora più alta. Michael può cantare fino al tono più basso di un'ottava sotto il Do centrale, ma lui preferisce cantare le note più alte che può fare. Un tenore può sempre ottenere di più, ed è in grado di sviluppare più stili rimanendo sulle fasce più alte. "

SETH RIGGS INTERVIEW (SOTTOTITOLI - ITALIANO) By MARIANNASARTE

http://www.youtube.com/watch?v=edfVUXaW7Pg&feature=channel_video_title

Michael parla della sua voce in "Moonwalk":

"Non pensavo che il tono della mia voce quando parlo era qualcosa che bisognava nascondere quando non cantavo. Ho sempre avuto una voce dolce parlando, non l'ho coltivata o modificata chimicamente:...  questo sono io - prendere o lasciare. Immaginate quanto può essere piacevole essere criticato per qualcosa di te che è naturale e data da Dio".

Michael parla di un incontro con un giovane fan che ha messo in dubbio la sua voce e il canto (dalla outtakes di Bashir Martin):

"Un bambino scivolato via dalla folla mi disse: 'Michael Jackson, è vero che prendi pillole di ormoni femminili per rendere la tua voce più alta?' non aveva più di 11anni, ho detto 'No! "Da dove viene questa cosa? 'Ha detto 'I miei amici ne hanno parlato.' Gli ho detto: 'Sono un tenore. Sono un tenore naturale. Mio nonno è un tenore, mio fratello è un tenore e tutti i cantanti di maggior successo sono tenori. Non prendo pillole di ormoni femminili. Non ne ho mai visto una. Non saprei neanche a che cosa assomiglia."

 

Desiderio di acquistare le ossa dell'uomo elefante:

Sebbene ci sia molto dibattito circa la validità di questa voce, ecco quello che Michael Jackson avrebbe detto a un giornalista dopo che gli aveva fatto una domanda in proposito, secondo Wikipedia.com

E' stato riferito che Jackson si era offerto di acquistare le ossa di Joseph Merrick (l' "uomo elefante"), e benché falsa, Jackson non ha negato la storia. Lui ha fermato l’uscita di altre falsità dalla stampa, e i media hanno iniziato a pubblicare le proprie storie.

Questi report si sono infiltrati nella coscienza pubblica, e hanno ispirato il soprannome di "Wacko Jacko", che Jackson disprezzava. Rispondendo al gossip, Jackson disse a un giornalista:

"Perché non dire alla gente che io sono un alieno proveniente da Marte. Dite loro che mangio polli vivi e faccio una danza voodoo a mezzanotte. Crederanno a qualsiasi cosa tu dica, perché sei un giornalista. Ma se io, Michael Jackson, dicessi: "Io sono un alieno proveniente da Marte mangio polli vivi e faccio una danza voodoo a mezzanotte," la gente direbbe: "Oh amico! Michael Jackson è pazzo. È fuori di testa. Non si può credere a una maledetta parola che esce dalla sua bocca ".

Ci sono state storie che raccontavano che c’era Michael dietro queste voci, che lui sì offrì di acquistare le ossa di Joseph Merrick. Altre storie invece sostenevano che c’era il publicity staff  di Michael dietro le voci. Ancora altri report dicevano che tutto ciò era completamente falso. Un'altra versione è presente nel libro di Adrian Grant, “A Visual Documentary", autorizzato da Michael stesso, che afferma che Michael è andato a vedere le ossa di Elephant Man e durante la visita, l'autore del libro gli ha dato una copia del suo libro basato sulla vita di Josef Merrick e le voci quindi provengono da questa visione in questo incontro.

Come nella maggior parte delle cose che riguardano Michael, la stampa è stata sempre così rabbiosa nel diffondere la non-verità che è veramente difficile sapere con certezza. In caso di dubbio, però, io dico di andare direttamente alla fonte. Michael sapeva che c'erano un sacco di cose false che si dicevano su di lui e la sua risposta al giornalista sopra dà una strizzatina d'occhio e un cenno a questo. Egli ha anche affermato nell’outtakes di Martin Bashir, che questa voce, insieme alle altre, non era vera.

 

Riguardo al fatto di indossare una maschera e travestimenti in pubblico:

Egli ha detto che alcune volte avrebbe voluto solo che la sua vita privata rimanesse tale (cosa che i media e i fan molte volte non gli hanno dato) e che indossava maschere, ecc, perchè gli davano la sensazione di avere un po' di privacy. Perché ovunque andasse, c’era gente che lo fissava, che urlava e cercava di afferrarlo, a volte avrebbe solo voluto sentire che poteva uscire e non essere tanto sul "display", questo avrebbe significato per lui, a suo modo, che poteva passare inosservato, anche se risultava essere ancora e molto più evidente con la maschera.

Alcuni dicono che lo ha fatto per farsi pubblicità o per apparire più misterioso o per far continuare la gente a parlare di lui. Tutto quello che noi possiamo fare è basarci su quello che lo stesso Michael ha detto nelle interviste riguardo al suo desiderio di avere un po’ di privacy.

Riguardo i travestimenti che a volte indossava, immaginate di non poter andare da nessuna parte senza essere assaliti. In nessun parco, cinema e neanche nel negozio di alimentari. Tutte cose che noi diamo per scontate. Michael una volta disse che gli sarebbe piaciuto solamente andare al supermercato da solo e procurarsi da mangiare. Quindi, un suo amico, che possedeva un supermercato, lo ha chiuso e lo ha impostato in modo che Michael potesse avere almeno un'idea di ciò e se da solo potesse essere in grado di fare la spesa in una normale drogheria.

Egli, a volte ha anche indossato maschere solo per uscire, come ad esempio, per sedersi in un parco. Aveva il desiderio di vedere ciò che la gente normalmente fa tutti i giorni. Di che cosa parla. Sapeva che se fosse andato come se stesso, non avrebbe mai provato tutto ciò poiché sarebbe stato assalito.

 

L’ombrello

Michael portava un ombrello in ogni momento mentre era all'aperto perché la perdita di pigmentazione causata dalla Vitiligine, la malattia che aveva cambiato la sua pelle da scura a chiara, rende le persone affette da essa molto esposte al cancro della pelle. Il Lupus, un'altra malattia che gli fu diagnosticata, rende la pelle incredibilmente sensibile al sole.

 

Informazioni sul Lupus:

Mayo Clinic http://www.mayoclinic.com/health/lupus/DS00115

Lupus eritematoso discoidale (il tipo di Lupus che Michael Jackson è stato detto di aver avuto) influenza solo la pelle. Le persone con lupus discoide, chiamato anche lupus cutaneo, hanno esperienze di rash circolare sul viso, collo e cuoio capelluto. Un piccolo numero di persone affette da lupus discoide può sviluppare il lupus eritematoso sistemico, anche se non è possibile prevedere chi svilupperà la forma più grave di lupus.

 

Michael Jackson parla del sensazionalismo dei tabloid a Geraldo Rivera

"Non è vero. E' come guardare un film immaginario, perché è finzione. E ' fantascienza. Non è vero. Mi conosco ed è triste quando gli altri devono leggere queste cose e ci credono. So che alla fine la verità prevarrà e io sono dalla sua parte"

l'intera intervista quì http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=132:at-large-with-mj-intervista-con-geraldo-rivera-nel-2005&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=62

Oprah Winfrey un'intervista del 1993

"Ho una malattia della pelle che ne distrugge la pigmentazione, è qualcosa che non posso controllare, ok? Ma quando le persone inventano storie dicendo che io non voglio essere quello che sono mi fa male".

Michael Jackson

"Immaginate cosa si prova ad essere criticato per qualcosa di te che è naturale e data da Dio Immaginate il dolore nel vedere le menzogne ​​diffuse dalla stampa, di sentire che le persone si chiedono se stai dicendo la verità -. Difendersi perché qualcuno ha deciso di farne buona copia costringendoti a negare quello che hanno detto, creando così un'altra storia."

Michael Jackson

"Lui (Michael) disse: 'Che differenza c'è tra me e Sylvester Stallone o chiunque altro a Hollywood?' 'E allora? 'Lui disse, 'la mia è una malattie della pelle, non voglio essere bianco. Non è quello che sto cercando di fare. Ma non ho potuto aiutare la mia malattia della pelle. Ho provato anche un intervento chirurgico per tutto e ho fatto cose di questo genere che non hanno dato il risultato sperato, ma non è questo il motivo per cui mi sono trasformato da un uomo nero in uno di pelle chiara. Per quanto riguarda il mio naso, disse: 'ho odiato il mio naso, proprio come Sylvester Stallone odiava il suo ". .. ... 'ho odiato il mio mento e odiavo il mio naso'. E allora? Perché questo trattamento è riservato solo a me?’ Ha detto: ‘Perché è solo a me? posso mostrarvi 20 persone a Hollywood che hanno rifatto il naso e le labbra, si sono sottoposti a trattamenti di botox, e a questo genere di cose'".

 

Fa male! Io sono un essere umano. Sono un essere umano

Michael Jackson


“Credo che quello che le persone non riescono a capire è che Michael era un essere umano."

Dave Dave

Amico di lunga data di Michael e una delle molte persone di cui Michael si è preso cura e ha aiutato nel corso degli anni.

"Sono orgoglioso del mio patrimonio genetico. Sono orgoglioso di questo. Sono orgoglioso di essere nero. Sono onorato di essere nero, e spero solo che un giorno il mondo sarà giusto nel ritrarre me e il mio modo di essere, come sono davvero.... un amorevole, tranquillo ragazzo che vuole rendere meraviglioso l’intrattenimento senza precedenti e fare canzoni, musica e film per il mondo. Questo è tutto quello che voglio fare. Io non sono un pericolo. Voglio solo fare quello. Questo è quello che voglio fare. Portare la gioia nel mondo ".

Michael Jackson in un'intervista radiofonica con Steve Harvey nel 2002.

l'intera intervista quì http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=133:intervista-audio-mj-e-steve-harvey-08032002&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=

 

Big E, la guardia del corpo di Michael che era presente il giorno della sua morte, ha condiviso in un'intervista radiofonica quello che è successo quel giorno:

"Tutto l’ospedale era un circo. Persone, paparazzi e fan troppo zelanti che cercavano di arrivare in ospedale. E 'stato solo un circo ....
Quando inizialmente abbiamo lasciato la casa, c'erano paparazzi e fan lì, ci hanno seguito per tutta la strada fino all'ospedale, cercando di ottenere le immagini e si sa, in realtà si è trattato solo di qualche schifezza insensibile da parte loro...."

... nelle news si parlava di lui, dicevano che fosse in Europa con qualche ragazzino. Ero seduto accanto a lui, mentre il tg stava dando questa merda. Mi ha solo guardato e ha detto: "questo è quello con cui ho a che fare."

Rob Hoffman

Un tecnico del suono che ha lavorato con Michael
http://www.gearslutz.com/board/so-much-gear-so-little-time/403276-post-here-if-you-worked-michael-jacksons-dangerous-album.html 

intervista intera quì  http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=131:rob-hoffman-compositore-produttore-e-musicista-e-i-suoi-ricordi-degli-anni-con-mj&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=62

 

"Più grande è la star maggiore è l’obbiettivo e più diventavo popolare più voci venivano create, nessuna delle quali erano vere. Nel momento in cui ho iniziato a rompere tutti i record con gli l’album più venduti di tutti i tempi, loro hanno iniziato a dire di me che ero strano che facevo cose strane durante la notte, hanno iniziato a chiamarmi ‘whacko’. Hanno detto che sono una ragazza, che sono omosessuale, che volevo comprare le ossa dell'uomo elefante, che dormivo in una camera iperbarica. Niente di tutto questo è vero. Hanno superato ogni limite. Semplicemente sono andati troppo oltre.

Fa male, Io sono un essere umano. Sono un essere umano. "

Michael Jackson durante un outtakes dell'intervista di Martin Bashir.

 

Stephanie Mills in un'intervista radiofonica. Stephanie usciva con Michael Jackson quando hanno lavorato insieme in The Wiz.

 "Ho pensato che stavo per sposare Michael .... sai cosa voglio dire? Michael è un vero uomo. Era molto affettuoso, era molto premuroso, e tutto questo..... ho fatto il bucato a Michael .... gli ho voluto fare il bucato, andavamo giù in lavanderia insieme, Michael non era ciò che pensano tutti..... era vero, un autentico ragazzo normale. Facevamo spesso il bucato insieme. Michael è un grande baciatore. L’ho baciato. Lui è un grande baciatore ed (era) molto affettuoso. Dico solo Michael è un vero uomo, non quello che stanno cercando di dire."

Stralcio di un intervista di Stephanie Mills rilasciata per il Wendy Williams show nel 2004 su MJNO Forum 
fonte: http://www.mjnewsonline.com/ TRADUZIONE dangerousbadgirl PER www.mjj.it

WW: Allora... sei mai uscita con Michael Jackson?
SM: Si Michael ed io siamo usciti insieme
Qualcuno del pubblico: Oooo non sapevo Michael uscisse con donne nere 
WW: sei probabilmente la prima donna nera che sento che esce con lui 
SM: Amo Michael, ho pensato che ci saremmo sposati... 
WW: Avete mai fatto sesso?? 
SM: No mai... ma l'ho visto una volta in mutande... e ho pensato che fosse molto carino 
Qualcuno dal pubblico: haha com'erano le sue mutande?... erano macualte?... *ridono* 
SM: Sai ho spesso lavato i vestiti di Michael per lui... quando passavo la notte da lui 
Pubblico in studio: *ride* 
SM: Michael è un vero uomo, sa baciare molto bene... posso dirtelo, l'ho baciato e lui è un bravo baciatore 
Qualcuno del pubblico: dove ti ha baciata???? 
SM: Dove credi che mi abbia baciata?!?! 
Pubblico in studio: *mormora* 
SM: Non ho mai detto a nessuno della mia storia con Michael prima di ora 
WW: Credi alle nuove accuse? 
SM: NO!... come ho detto Michael è un uomo 

sito ufficiale www2.stephaniemillsmusic.com

 

Stephanie Mills on dating Michael Jackson (The Wiz) http://www.youtube.com/watch?v=FDRRdpny69Y

 

Michael Jackson, Gesù ed io

 La mia storia di Fraternità Cristiana con il Re del Pop

David Pack, vincitore del Grammy Award recording artist, produttore, direttore musicale e membro della Saddleback Church (lavora con Rick Warren su progetti speciali, tra cui il piano per la pace e l’AIDS & Worship Conferences), parla del suo tempo condividendo la fede con il Re del Pop e dell’incontro di Michael con famoso compositore Leonard Bernstein. http://www.reflectionsonthedance.com/DavidPack-on-Michael.html

traduzione http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=137:la-mia-storia-di-fraternita-cristiana-con-il-re-del-pop-di-david-pack&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=62

 

"Io eviterei di usare il termine 'religione', perché molte persone dicono 'la mia religione' questa e' la mia religione. Perché dovrebbe essere la 'mia' religione? Credo solo in quello che dice la Bibbia riguardo a quello che la religione comporta. Io semplicemente credo.... io credo in questo e mi metto in ginocchio tutte le sere, ringrazio Dio e Gli chiedo di indicarmi la strada ".

Io non critico gli altri intrattenitori, ma non vedo alcun motivo per cui dovrei cantare canzoni che sono volgari e sessualmente esplicite.... penso che oggi gli intrattenitori siano in una posizione che gli consente di essere in grado di cambiare certe cose, soprattutto le menti dei giovani ".

Michael Jackson

1979 intervista a Ebony Magazine

http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=143:il-michael-jackson-che-nessuno-conosce-di-robert-e-johnson-dicembre-1984&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=62

"Io credo nella Bibbia e cerco di seguire i suoi insegnamenti. So di essere una persona imperfetta... non sto dicendo di essere un angelo perché io non sono un angelo e neanche un diavolo. Cerco di essere il meglio che posso e cerco di fare quello che penso sia giusto. E' così semplice... non mi riferisco solo al pregare di notte. Prego in momenti diversi durante la giornata. Ogni volta che vedo qualcosa di bello dico: "Oh, Dio, è bellissimo”, ‘dico preghiere come questa per tutto il giorno’.

Michael Jackson

1979 JET Magazine

intervista intera quì http://www.truth4mj.it/mj/index.php?option=com_content&view=article&id=134:intervista-a-jet-magazine-1979&catid=36:articoli-verita-sulluomo-michael&Itemid=62


Riguardo al fatto di nascondere i volti dei suoi figli in pubblico:

"Io non voglio che succeda quello che è accaduto al bambino dei Lindbergh. Qualcuno ha preso il piccolo Lindbergh, il bambino di Charles Lindbergh, lo ha portato nel bosco e lo ha bruciato vivo. Io non voglio che succeda ai miei figli, così ho messo dei veli su di loro. I non voglio che la gente li veda. La stampa può essere molto cattiva. Non voglio farli impazzire mentre crescono a causa delle brutte cose che (la stampa), può dire su di loro ".

"Io sono pazzo di loro. Potrei morire per loro".

2003 Living with Michael Jackson Documentary

 

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page