STATUS CONFERENCE del 28 marzo 2011

Il giudice Michael Pastor ha deciso che Tohme Tohme, ex manager di Michael, deve testimoniare al processo che vede imputato il dottor Murray per omicidio colposo.

Gli avvocati di Tohme hanno sostenuto che al loro cliente non era stato notificato regolarmente il mandato di comparizione, ma un server di processo (una persona autorizzata a consegnare dei documenti) ha testimoniato che lei lo consegnò nelle mani di Tohme nella sua abitazione il 3 marzo 2011. Un rivenditore di automobili usate ha testimoniato che era con Tohme ad un'asta di auto quel giorno presunto.

"Mi basta che ci sia stata la notifica in questo caso", ha detto il giudice della Corte Suprema di Los Angeles dopo aver ascoltato entrambi i testimoni.

Pastor era più preoccupato riguardo alla tesi che la testimonianza di Tohme fosse irrilevante per il caso di Murray.

Paul Takakjian dello studio legale Takakjian, Sowers & Sitkoff LLP, avvocato di Tohme,  ha detto che la difesa "stava gettando una lenza" senza sapere se Tohme possa sapere qualcosa che aiuti il loro caso.

Gli avvocati di Murray hanno sostenuto che Tohme è un testimone critico per la loro strategia difensiva che mira a dimostrare che Jackson si auto-somministrò la dose fatale di anestetico che lo portò alla morte il 25 giugno 2009.

Tohme aveva "una profonda conoscenza delle sue finanze, del suo consumo di farmaci, delle sue abitudini", negli ultimi mesi, ha detto l'avvocato difensore Nareg Gourjian. "Le difficoltà finanziarie di Jackson in quel momento sono chiaramente un elemento rilevante per la nostra asserzione che il signor Jackson si sia auto-somministrato il propofol", ha detto Gourjian.

Benché la tesi della difesa sembra sia “un insieme di congetture", Pastor ha detto che avrebbe lasciato valido il mandato di comparizione per Tohme dal momento che lui era il business manager di Jackson al tempo della sua morte. Ha poi fatto sapere che avrebbe valutato se limitare i temi su cui Tohme potrà essere interrogato.

La difesa ha rivelato di voler interrogare Tohme riguardo alla pressione esercitata su Jackson nei suoi ultimi mesi di vita per preparare i 50 spettacoli che doveva compiere a Londra per la AEG Live a partire da luglio.

"Egli (Tohme) negoziò l'affare con AEG e altri testimoni dicono che il signor Jackson era molto arrabbiato per questo", ha detto Gourjian.

Tohme ha detto che non collaborerà con la difesa dando loro un'intervista prima della sua testimonianza.

Il tribunale prenderà in considerazione una mozione simile per il dottor Arnold Klein il prossimo 6 aprile. 
La difesa sostiene che il dermatologo di Beverly Hills abbia dato farmaci a Jackson di cui il dottor Murray non era a conoscenza nelle settimane prima della sua morte.

Il coroner della contea di Los Angeles ha stabilito che la causa della morte di Jackson è stata "intossicazione acuta da propofol, in combinazione con "gli effetti concomitanti delle benzodiazepine".

Il giudice terrà un terzo giorno di selezione della giuria la prossima settimana per costituire un gruppo di potenziali giurati "qualificati per le avversità" - quelli le cui famiglie, finanze e lavoro potrebbero resistere ad un processo di due mesi. La fine del processo di selezione della giuria è fissata per il 4 maggio 2011, con le dichiarazioni di apertura fissate per il 9 maggio 2011.

 

Fonte: http://www.cnn.com/2011/CRIME/03/28/conrad.murray.trial/

COMMENTI

Please login to post comments or replies.
Home page